Zelensky. La battaglia in Donbass “è una delle più brutali in Europa”. Autorità continuano ad evacuare i civili

- Advertisement -

AgenPress – La battaglia per la regione del Donbas nell’Ucraina orientale “passerà sicuramente alla storia militare come una delle battaglie più brutali in Europa e per l’Europa”.

Lo ha detto il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky nel suo discorso notturno.

- Advertisement -

Ciò avviene dopo che i funzionari militari ucraini all’inizio della giornata hanno affermato che le loro truppe erano state respinte dal centro di Severodonetsk, che insieme alla sua città gemella Lysychansk, è al centro dell’attuale battaglia per ciò che è ancora sotto il controllo ucraino nella regione di Luhansk in Donbas orientale dell’Ucraina.

I funzionari hanno anche affermato che tre ponti chiave che collegano Severodonetsk a Lysychansk ora sono impraticabili per i veicoli, il che significa che le rotte di rifornimento in entrata e le evacuazioni in uscita attraverso quelle rotte sono impossibili.

Zelensky ha affermato che gli ucraini affrontano il “vantaggio significativo dei russi nella quantità di equipaggiamento e, in particolare, nei sistemi di artiglieria”.

“Il prezzo di questa battaglia per noi è molto alto. È solo spaventoso. E attiriamo quotidianamente l’attenzione dei nostri partner sul fatto che solo un numero sufficiente di artiglieria moderna per l’Ucraina garantirà il nostro vantaggio e, infine, la fine della tortura russa del Donbas ucraino”, ha aggiunto.
- Advertisement -

Zelensky ha detto che un ragazzo è stato ucciso lunedì dai bombardamenti russi nella battaglia per Lysychansk.

Le autorità ucraine affermano che continuano a evacuare i civili da Severodonetsk durante ogni pausa nei combattimenti “estremamente intensi” per il controllo della città orientale assediata.

Il terzo dei tre ponti principali per Severodonetsk è stato ritenuto impraticabile lunedì dal capo dell’amministrazione militare regionale, anche se le autorità affermano di avere ancora vie per entrare e uscire dalla città.

“I modi per connettersi con la città sono piuttosto difficili, ma esistono”, ha detto alla televisione ucraina Oleksandr Struik, capo dell’amministrazione militare di Severodonetsk. Ha detto che le evacuazioni avvenivano “ogni minuto quando c’è silenzio o c’è la possibilità di un trasporto”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati