Zelensky. “Non credo al mondo, dopo aver visto cosa sta succedendo in Ucraina”

- Advertisement -

AgenPress – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato di avere difficoltà a credere nell’affidabilità di “alcuni paesi o alcuni leader” dopo l’escalation della guerra nel suo paese.

Jake Tapper della CNN ha chiesto a Zelensky durante un’intervista esclusiva se trova dichiarazioni quando i leader mondiali usano il termine “mai più”, uno slogan associato all’Olocausto e spesso pronunciato dopo crimini contro l’umanità, “vuoto” ora.

- Advertisement -

“Lei ha perso antenati nell’Olocausto. Ogni anno, nel giorno della memoria dell’Olocausto, i politici pubblicano dichiarazioni che dicono mai più, mai più. Quelle affermazioni devono sembrarle davvero vuote in questo momento. Quando il mondo dice mai più, significano mai esso?”

Zelensky ha risposto: “Non credo al mondo. Dopo aver visto cosa sta succedendo in Ucraina, abbiamo – voglio dire che non credo a questa sensazione che dovremmo credere a – a – alcuni paesi o alcuni leader. Non crediamo alle parole. Dopo l’escalation della Russia, non crediamo ai nostri vicini. Non crediamo a tutto questo”.

Il presidente ucraino ha proseguito dicendo che non crede nemmeno alle garanzie di sicurezza documentate e al diritto internazionale mentre infuria la guerra in Ucraina e con la Russia accusata di presunti crimini di guerra .

- Advertisement -

“Anche io non credo ai documenti, perché abbiamo anche un memorandum di Budapest – penso che tu ne conosca tutti i dettagli. Per me, è solo un pezzo di carta e non costa nulla”.

Zelensky ha detto che la sua fede e il suo credo risiedono negli sforzi pratici e tangibili e nel popolo ucraino.

“Crediamo solo cose contratte e pragmatiche. Se siete nostri amici o partner, dacci armi, dacci una mano, dacci un supporto, dacci soldi e ferma la Russia, prendi a calci la Russia. Puoi farlo se sei un amico Se pensi a questa democrazia ea tutto solo di questo momento perché abbiamo gli stessi pensieri, se parliamo di libertà, non perché vogliamo dialogare sulla libertà”, ha detto.

“L’unica convinzione è la fede in noi stessi, nella nostra gente, la fede nelle nostre forze armate e la convinzione che i paesi ci sosterranno non solo con le loro parole ma con le loro azioni. E questo è tutto. Mai più… Davvero, tutti ne parlano e tuttavia, come puoi vedere, non tutti ne hanno il coraggio”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati