Dati Covid in tempo Reale

All countries
334,186,670
Confermati
Updated on 18 January 2022 21:36
All countries
268,212,363
Ricoverati
Updated on 18 January 2022 21:36
All countries
5,570,713
Morti
Updated on 18 January 2022 21:36

Zoo di San Diego. Il leopardo delle nevi Ramil è “positivo”. In quarantena con la sua “compagna”

- Advertisement -

AgenPress – Ramil, un leopardo delle nevi di 9 anni dello zoo di San Diego, è risultato positivo al coronavirus. 

Lo ha fatto sapere lo stesso zoo precisando che l’animale non era stato vaccinato: 9 anni di età, Ramil aveva iniziato ad avere un po’ di raffreddore giovedì, scorso, poi la tosse. Due test per il covid ed è risultato positivo. Al momento il leopardo delle nevi – di cui esistono meno di 10.000 esemplari al mondo – è in quarantena insieme alla sua ‘partner’

- Advertisement -

Il personale dello zoo ha testato per la prima volta le feci dell’animale per il virus dopo aver notato giovedì che aveva la tosse e il naso che colava.

Quando il risultato è stato positivo, il team per la cura della fauna selvatica ha inviato i campioni al California Animal Health and Food Safety Laboratory System per il laboratorio statale per confermare il risultato, che è avvenuto.

In una dichiarazione, lo zoo afferma che i custodi stanno monitorando da vicino Ramil e che i suoi sintomi non sono progrediti.

- Advertisement -

Poiché condivide un recinto con un leopardo delle nevi e due leopardi dell’Amur, lo staff presume che gli altri tre grandi felini siano stati esposti e li abbiano messi in quarantena, il che significa che la mostra sarà chiusa al pubblico.

“Possiamo assicurare che il leopardo delle nevi e i leopardi dell’Amur che condividono il loro habitat stanno ricevendo cure eccellenti”, ha affermato Dwight Scott, direttore esecutivo dello zoo, in una nota.

Lo zoo afferma che non è chiaro come il leopardo delle nevi sia stato esposto al virus, osservando che i custodi devono seguire rigorosi protocolli di sicurezza e che a tutti i dipendenti vengono offerte maschere N95 e che la copertura del viso è obbligatoria per chiunque non sia vaccinato.

Nonostante questi protocolli, il Safari Park ha riferito a metà gennaio che la sua truppa di otto gorilla era risultata positiva al COVID-19, probabilmente dopo il contatto con un guardiano che aveva il virus ma non mostrava sintomi.

 

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati