Coronavirus: Levi (Ass. Editori), Governo intervenga per salvare mondo del libro

1010

Agenpress. “C’è la necessità di un intervento urgente per sostenere il mondo del libro, per evitare che dalla crisi esso esca impoverito nel numero degli operatori e nella capacità di creare cultura.

Al governo e al Parlamento spetta l’onere di dimostrare di aver compreso quanto il mondo del libro, prima industria culturale del Paese, sia componente preziosa del tessuto sociale e pietra angolare della cultura nazionale”.

È l’allarme lanciato da Ricardo Franco Levi, presidente dell’Associazione Italiana degli Editori, in un intervento pubblicato sul sito dell’associazione “Voce libera”.

Levi chiede a nome del settore che nel ‘decreto aprile’ sia inserito “un fondo espressamente dedicato al libro, cioè alla filiera editoriale libraria, in analogia a quanto fatto per il settore del cinema, dell’audiovisivo e dello spettacolo dal vivo”.

A questo, si aggiungono le seguenti misure a sostegno della domanda: “La detraibilità dell’acquisto dei libri così come avviene per altri tipi di consumi; il rifinanziamento della 18App con l’estensione della platea dei nuovi beneficiari; fondi alle biblioteche per l’acquisto di libri; sollievo, tramite credito d’imposta, a spese quali l’acquisto della carta o i canoni d’affitto per le librerie”.