Commercio. A novembre tiene l’alimentare, ancora giù le vendite nei piccoli negozi

206

Agenpress –  Per i piccoli negozi novembre è stato un altro mese archiviato in ‘rosso’. Su base annua le vendite al dettaglio sono scese dell’1,4% mentre sia la grande distribuzione che l’online hanno fatto guadagni (rispettivamente +3,3% e +4,1%). Lo rileva l’Istat spiegando come l’andamento positivo sia “limitato” ai ‘big’ e all’e-commerce, “settori per i quali si amplia la divergenza rispetto alla distribuzione tradizionale”. Quanto al web, l’Istat precisa che l’incremento “più modesto” a confronto con il 2018 risenta “probabilmente della stabilizzazione” delle vendite legate al Black Friday”.

Il valore delle vendite al dettaglio a novembre resta stabile per l’alimentare mentre cala dello 0,3% sul resto.  Quanto alla dinamica su base annua, i prodotti per la tavola crescono del 2,2%; il complesso degli altri settori risulta invece stazionario.

Se si analizzano i dati in volume, allora la diminuzione delle vendite al dettaglio a novembre su ottobre è stata pari allo 0,3%, con cali sia per l’alimentare (-0,2%) che, in maniera più decisa, per tutto il resto (-0,4%). Su base annua invece il ‘food’ sale (+1,4%) ma tiene anche il totale degli altri settori (+0,1%).

Guardando al canale di distribuzione, spicca la crescita registrata per i discount alimentari, che in un anno hanno visto le vendite crescere del 6,6% in valore. Inferiori gli aumenti osservato sia per gli ipermercati (+1,3%) che per i super (+2,9%). Il bottino dei primi undici mesi del 2019 indica per il comparto dei discount un rialzo medio del 4,7%.