Usa. Trump nomina Amy Coney Barrett alla Corte suprema

353

 AgenPressAmy Coney Barrett , che il presidente Donald Trump ha scelto per succedere a Ruth Bader Ginsburg alla Corte Suprema, è un giudice della Corte d’appello le cui dichiarazioni più controverse sono arrivate in articoli di revisione legale, non in opinioni legali. 

Ginsburg, morta a 87 anni il 18 settembre, icona delle battaglie per i diritti civili, verrà dunque sostituita dalla 48enne Barrett, conservatrice, ultra-cattolica, contraria all’aborto. Una scelta che galvanizza l’elettorato religioso radicale, su cui Trump ancora punta, come 4 anni fa, per la rielezione.  La sostituzione di un giudice della Corte che con le sue sentenze indirizza il diritto Usa, e che con questa nomina rafforza ulteriormente la maggioranza conservatrice, a così poco tempo dal voto è un fatto senza precedenti, ma i repubblicani hanno tutti i numeri per far passare la nomina nonostante le proteste dei democratici.

Barrett, 48 anni, presta servizio presso la settima corte d’appello del circuito di Chicago, nominata nel 2017 da Trump e confermata da un voto del Senato di 55-43, con solo tre democratici che la appoggiano. Prima di allora, ha lavorato brevemente in uno studio privato e poi ha insegnato per 15 anni alla scuola di legge di Notre Dame, dove ha conseguito la laurea in giurisprudenza.

È stata assistente legale presso un giudice della corte d’appello federale a Washington e successivamente presso il giudice della Corte suprema Antonin Scalia. La famiglia Scalia era alla Casa Bianca, insieme alla famiglia di Barrett, per l’annuncio del Rose Garden di Trump sabato.

Barrett ha chiamato Scalia il suo mentore e ha detto che aveva “un’influenza incalcolabile” su di lei.

Suo marito, Jesse, è un procuratore federale dell’Indiana e hanno sette figli, di cui due adottati da Haiti. Ha scherzato durante le osservazioni al Rose Garden che i suoi figli l’avevano recentemente informata durante una cena di famiglia che il loro padre è il cuoco migliore della casa. Barrett è stato riconosciuto all’evento da Trump come l’unico giudice della Corte Suprema nella storia ad avere figli in età scolare.

“L’elemento fondamentale del diritto della donna a scegliere probabilmente resterà. La controversia è sui finanziamenti, ovvero se gli aborti devono essere finanziati dal pubblico o dal privato”, spiegò allora. Coney Barrett era già in pole position nel 2018 per il posto poi preso da Kavanaugh. Trump alla fine la scartò e, secondo indiscrezioni, confidò a uno dei suoi più stretti collaboratori che “l’avrebbe salvata per prendere il posto di Ginsburg”.

Dovrebbe iniziare il prossimo 12 ottobre l’audizione in Senato per la conferma di Amy Coney Barrett alla Corte Suprema con le dichiarazioni iniziali. In base al calendario che circola in Senato, il 13 ottobre inizierebbe il primo round di domande in Senato per Barrett e si proseguirebbe il 14 con il secondo tempo. Il 15 ottobre ci dovrebbe essere una sessione a porte chiuse con testimoni esterni. L’obiettivo dei repubblicani è ottenere il disco verde prima delle elezioni del 3 novembre.

Sulla nomina della nuova giudice interviene anche Joe Biden.
In un tweet, scrive il candidato democratico alla Casa Bianca: “Il Senato non dovrebbe agire prima che il popolo abbia scelto il prossimo presidente”.