Coronavirus. Taormina contro Conte e la Cina. “Vendicheremo tutti questi nostri morti”

2119
Agenpress – “2.706.900. Questo il numero delle persone che hanno visualizzato il post con il quale ho comunicato di aver presentato alla Procura di Roma la denunzia contro governanti e tecnici per la scellerata gestione dell’emergenza coronavirus.
Non siamo soli e il Governo deve sapere, a cominciare da Conte il quale, nel dare comunicazione delle misure economiche, ha detto che dopo aver salvato l’Italia sul piano sanitario e su quello economico, sarà disponibile ad essere giudicato, dimenticando che questo non dipende da lui ma dalla magistratura e quindi ciò avverrà molto prima del prospettato ed improbabile risanamento”.
Così l’avvocato Carlo Taormina in un post su Facebook.
“Nel completare la documentazione ad ulteriore supporto della denunzia e da produrre in Procura,mi sono imbattuto in una circolare del 5 gennaio del Ministero della Salute e quindi del governo,da cui risulta che la Cina aveva avvertito di tutto compresa la provenienza della polmonite gravissima da un coronavirus. Non solo ma la Cina aveva anche fatto presente del pericolo della pandemia e della necessità di intervenire subito chiudendo tutto e subito.
Credo che sia la prova schiacciante che il 31 gennaio quando il governo dichiarò lo Stato di emergenza, dopo la dichiarazione dello stato di emergenza dell’OMS che prediceva la pandemia, sapeva tutto e aveva il dovere di chiudere tutto e subito.
La responsabilità per almeno 10.000 morti che non ci sarebbero stati, è indiscutibile e guai alla Magistratura se pensasse di non fare il suo dovere“.
“Ci sono, poi, altre due cosette che racconteremo alla Procura di Roma. Il governo, non la Regione Lombardia, ha omesso di dichiarare zona rossa i comuni di Alzano Lombardo e Nembro dove il coronavirus ha fatto una strage e di questi morti. Io chiedo che la magistratura faccia giustizia perché se questa non è epidemia colposa e se ad ogni morto non corrisponde un omicidio colposo, vuol dire che il diritto penale non esiste più. Seconda cosa. Mi risulta che il Governo con l’autorevole supporto dell’Istituto Superiore di Sanità, abbia dato il via al ricovero di contagiati da coronavirus nelle residenze per anziani mancando posti negli ospedali.
Questo ha determinato la strage che tutti conosciamo tra le persone notoriamente più deboli e più esposte ai massimi pericoli del coronavirus. Dove stava Conte? Qualcuno ha il coraggio di escludere che questa sia epidemia colposa e che sia stata commessa una serie impressionante di omicidi colposi? Vendicheremo tutti questi nostri morti“.