Inps, Zangrillo (FI): Gestione farlocca, Tridico si dimetta

338

AgenPress. Oggi, durante l’audizione di Tridico, abbiamo chiesto al presidente dell’Inps di dimettersi per manifesta inadeguatezza. Una difesa d’ufficio che non ha convinto, agli atti rimangono i tanti quesiti posti dall’opposizione rimasti senza risposte. Il caso bonus è solo l’ennesimo episodio di una gestione, farlocca, cialtrona ed inefficiente dell’ente. L’elenco è lungo: gravissimi ritardi nella cassa integrazione, tanto che quelli che Di Maio chiama ‘prenditori’ hanno dovuto metterci del loro per tutelare i dipendenti, lo scandalo del reddito di cittadinanza distribuito a camorristi, episodi gravissimi dal quale emerge un quadro fallimentare. Per questo, abbiamo consigliato a Tridico di fare un passo indietro”.

Lo dichiarano, in una nota congiunta Paolo Zangrillo e Renata Polverini, deputati di Forza Italia in commissione Lavoro.

“E’ urgente una riflessione attenta sulla governance dell’ente. L’Inps gestisce la più grande banca dati del Paese, se il presidente non è in grado di garantire la riservatezza di questi dati, dimostra palesemente di essere inadeguato a gestire una macchina del genere. Nelle aziende, quando i vertici non funzionano vanno a casa. L’ordinaria amministrazione viene gestita da impiegati, ma sono i vertici a dare la linea e a gestire gli eventi straordinari. E’ evidente che Tridico non è in grado e per questo ci aspettiamo un passo indietro”, aggiungono.

Zangrillo conclude: “Per tutelare la sua credibilità e quella dell’Istituto che gestisce dovrebbe considerare le dimissioni e lo ringrazio se vorrà cogliere questa opportunità”.