Cina. Arrestata Cheng Lei, giornalista australiana della tv statale cinese Cgtn

353

AgenPress – Cheng Leo, giornalista australiana e importante presentatrice del canale di notizie inglese di proprietà statale China Global Television Network (CGTN), è stata arrestata in Cina, in un caso altamente delicato che pone una nuova sfida alle relazioni tra Australia e Cina.

Lo riporta l’emittente australiana ABC, riportando una dichiarazione del ministro degli Esteri Marise Payne, secondo cui Cheng, sparita da alcune settimane, è detenuta dalle autorità della capitale cinese e che a diplomatici australiani è stato permesso di parlare con lei la scorsa settimana tramite videoconferenza.

L’Australia era stata informata dalle autorità cinesi il 14 agosto della sua detenzione, ma lunedì ha rilasciato la sua prima dichiarazione pubblica, non ha detto perché è stata arrestata.

“Ulteriori commenti non saranno forniti a causa degli obblighi di privacy del governo”, ha detto Payne.

Su Twitter, la signora Cheng – si descrive come “un’appassionata oratrice della storia cinese”.

Ha twittato l’ultima volta il 12 agosto. La sua pagina del profilo sul sito Web CGTN è scomparsa e porta a un messaggio di errore.

Cheng non è stata accusata, ma è tenuta sotto quella che viene chiamata “sorveglianza residenziale in un luogo designato”, che è una forma di detenzione con cui gli investigatori possono fermare e interrogare un sospetto per un massimo di sei mesi senza che abbia contatti con avvocati e mondo esterno. I due figli piccoli di Cheng sono con gli altri componenti della famiglia a Melbourne.

Gli amici della giornalista si erano preoccupati dopo non aver avuto risposte ai messaggi nelle ultime settimane, alimentando le speculazioni tra i suoi colleghi dei media statali cinesi. Anche la pagina del profilo sul sito di Cgtn, in merito ai suoi otto anni di carriera presso il canale in lingua inglese, è stata rimossa dal sito web, così come i video con le sue storie precedenti.

L’Australia a luglio aveva avvertito i suoi cittadini del rischio di detenzione arbitraria in Cina, poiché le relazioni tra i partner di libero scambio sono precipitate negli ultimi anni. La Cina ha respinto l’avvertimento come disinformazione.

L’Australia ha criticato la Cina per aver accusato lo scrittore di spionaggio cinese-australiano Yang Hengjun di spionaggio a marzo.

L’australiano Karm Gilespie è stato condannato a morte in Cina a giugno, sette anni dopo essere stato arrestato e accusato di aver tentato di salire a bordo di un volo internazionale con più di 7,5 chilogrammi (16,5 libbre) di metanfetamina. Alcuni osservatori sospettano che una condanna così severa così a lungo dopo il crimine fosse collegata alla frattura bilaterale.

 

 

Un giornalista australiano di origine cinese per CGTN, il canale in lingua inglese della China Central Television, è stato arrestato in Cina, ha detto lunedì il governo australiano .

I funzionari australiani hanno avuto una visita consolare tramite collegamento video con Cheng Lei in una struttura di detenzione giovedì scorso, ha detto in una dichiarazione il ministro degli Esteri Marise Payne. Continueranno a fornire assistenza e sostegno a lei e alla sua famiglia, ha detto Payne.

L’Australia era stata informata dalle autorità cinesi il 14 agosto della sua detenzione, ma lunedì ha rilasciato la sua prima dichiarazione pubblica.

L’Australia non ha detto perché è stata arrestata.

“Ulteriori commenti non saranno forniti a causa degli obblighi di privacy del governo”, ha detto Payne.

L’Australia a luglio ha avvertito i suoi cittadini del rischio di detenzione arbitraria in Cina, poiché le relazioni tra i partner di libero scambio sono precipitate negli ultimi anni. La Cina ha respinto l’avvertimento come disinformazione.

L’Australia ha criticato la Cina per aver accusato lo scrittore di spionaggio cinese-australiano Yang Hengjun di spionaggio a marzo.

L’australiano Karm Gilespie è stato condannato a morte in Cina a giugno, sette anni dopo essere stato arrestato e accusato di aver tentato di salire a bordo di un volo internazionale con più di 7,5 chilogrammi (16,5 libbre) di metanfetamina. Alcuni osservatori sospettano che una condanna così severa così a lungo dopo il crimine fosse collegata alla frattura bilaterale.

Cheng è un’ancora per il programma BizAsia. È nata in Cina e ha lavorato nella finanza in Australia prima di tornare in Cina e iniziare una carriera nel giornalismo con CCTV a Pechino nel 2003.

Ha riferito sui principali eventi cinesi, tra cui le Olimpiadi di Pechino 2008 e l’Expo mondiale di Shanghai 2010.