Dati Covid in tempo Reale

All countries
229,989,585
Confermati
Updated on 21 September 2021 15:07
All countries
204,950,732
Ricoverati
Updated on 21 September 2021 15:07
All countries
4,716,670
Morti
Updated on 21 September 2021 15:07

Afghanistan. Appello agli Usa. Charlotte deve portare via centinaia cani e collaboratori da Kabul

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Nonostante si trovasse all’aeroporto  quando l’attentato dinamitardo dell’ISIS-K ha avuto luogo il 26 agosto e di fronte alla vasta gamma di minacce presenti, Charlotte  Maxwell-Jones, fondatrice di Kabul Small Animal Rescue è ora fuori dall’aeroporto di Kabul e, per il momento, è al sicuro. Il 30 agosto, è stata costretta a lasciare l’aeroporto con un cucciolo sotto il braccio mentre si verificavano le evacuazioni militari finali. È stata scortata dai talebani al suo rifugio di salvataggio, a 7 miglia da Kabul, dove per il momento è al sicuro.

Stando alle notizie circolanti, sembra che i talebani abbiano invitato la donna a lasciare l’Afghanistan. Lei, però, non ha nessuna intenzione di andare via dal Paese senza i suoi collaboratori e gli animali.

In particolar modo, Charlotte Maxwell-Jones è intenzionata a portare con sé fuori dal Paese circa 125 persone, tra i suoi collaboratori e i loro familiari e circa 250 animali.

Alla maggior parte del personale KSAR e ai gatti affidati non è mai stato concesso l’accesso all’aeroporto. Per il momento sono al sicuro in un’altra località di Kabul. 

Le informazioni attuali sullo stato dei 130 cani di KSAR sono molto meno chiare, nonostante i nostri continui sforzi per confermare la loro posizione. 

Ecco quello che sappiamo: alla fine, ai cani e ai loro custodi NON è stato esplicitamente permesso di salire a bordo di aerei militari, e anche a numerosi aerei charter privati ​​non è stato concesso l’accesso all’aeroporto. Charlotte è stata informata che la maggior parte dei cani KSAR doveva essere rilasciata nell’aeroporto il 30 agosto mentre l’aeroporto veniva evacuato, trasformando i cani un tempo salvati nel rifugio in randagi senzatetto. Non hanno avuto accesso al volo che avevamo assicurato per trasportarli fuori dal paese. Si trovano all’interno dell’aeroporto in un’area utilizzata per l’alloggio dei dipendenti all’estremità della linea di volo. Non siamo stati in grado di confermare il numero di cani rilasciati, né possiamo confermare se l’esercito americano ha evacuato i 46 cani da lavoro che erano stati affidati alle cure di KSAR quando sono partiti. 

L’amministratore delegato di American Humane, Robin R. Ganzert, ha dichiarato di essere devastato “dalle notizie secondo cui il governo americano si sta ritirando da Kabul e lascia dietro di sé coraggiosi cani da lavoro a contratto dell’esercito americano da torturare e uccidere per mano dei nostri nemici. 

Questi cani coraggiosi svolgono lo stesso lavoro pericoloso e salvavita dei nostri cani da lavoro militari e meritavano un destino molto migliore di quello a cui sono stati condannati”

“Questo destino insensato è reso ancora più tragico, poiché American Humane è pronta non solo ad aiutare a trasportare questi soldati K-9 a contratto sul suolo statunitense, ma anche a fornire loro cure mediche per tutta la vita”.

Ganzert ha aggiunto che la sua organizzazione “ha lavorato fianco a fianco con i militari per più di 100 anni per salvare animali militari”, aggiungendo che il gruppo “porta a casa cani da lavoro militari in pensione e abbina veterani con cani di servizio salvavita”. 

 La situazione all’aeroporto rimane molto pericolosa, ma KSAR spera che il suo personale possa tornare in aeroporto ad un certo punto per cercare di salvare i propri cani. Durante la sua partenza dall’aeroporto il 30 agosto, Charlotte ha chiesto all’esercito americano di aprire i sacchetti di cibo per cani che era stata in grado di portare in aeroporto e di spargere il loro contenuto nell’area in cui i cani erano stati rilasciati.

Il nostro team di ONG (SPCA International, War Paws, Marley’s Mutts, Animal Wellness Action e Puppy Rescue Mission) ha lavorato instancabilmente per salvare KSAR e gli animali a lui affidati nell’ultima settimana, esaurendo ogni possibile opzione e risorsa possibile. Abbiamo lavorato giorno e notte per sviluppare e implementare strategie per salvare Charlotte, il suo staff e i suoi animali, nonché piani di emergenza. La massiccia rete di agenzie statunitensi e straniere, politici, società di charter e soccorritori che abbiamo arruolato ha anche fatto del suo meglio per sostenere l’estrazione di Charlotte e dei cani. Apprezziamo anche il sostegno di coloro che nell’esercito americano ci hanno aiutato. 

 “Siamo addolorati per il fatto che l’aereo che abbiamo assicurato per trasportare i cani salvati del Kabul Small Animal Rescue fuori dall’Afghanistan non è stato infine autorizzato a portare gli animali e i loro custodi fuori dal paese in sicurezza”, ha affermato Lori Kalef, direttore dei programmi di SPCA International . “Il nostro team ha lavorato 24 ore su 24 e ha esaurito ogni possibile opzione e risorsa nella nostra missione per salvare i cani prima del ritiro militare degli Stati Uniti dall’Afghanistan. Continueremo a fare tutto il possibile per evacuare il personale e gli animali di Kabul Small Animal Rescue dal paese dopo il 31 agosto. Non possiamo ringraziare abbastanza i nostri sostenitori per tutto ciò che hanno fatto per aiutare i cani e i gatti di Kabul e i loro custodi”.     

American Humane ha lavorato con l’esercito per più di un secolo per salvare animali militari bloccati, avendo precedentemente lavorato nella prima guerra mondiale. 

I cani da lavoro sono normalmente di proprietà di appaltatori privati ​​per lavorare a fianco di cani militari di proprietà del Dipartimento della Difesa, che spesso svolgono compiti simili. 

Ganzert ha aggiunto: “Essendo la prima organizzazione nazionale umanitaria del paese e il più grande certificatore del benessere degli animali nel mondo, ci disgusta stare seduti a guardare questi cani coraggiosi che valorosamente hanno servito il nostro paese essere messi a morte o peggio. 

“Sono eternamente grato per il nostro team, i partner e tutte le agenzie governative che si sono fatte avanti per prestare la loro voce in questo momento intenso e difficile. Il coraggio e la devozione incrollabile di Charlotte per gli animali salvati e affidati alle sue cure e gli sforzi instancabili di tutti i sostenitori degli animali coinvolti che lavorano in tutto il mondo sono impressionanti”, ha affermato Zach Skow, fondatore di Marley’s Mutts. “Ci impegniamo a salvarli e continueremo a cercare opzioni per aiutare lei e i cani e i gatti salvati a lasciare Kabul in sicurezza. Non meritano di meno”.

“A tal fine, chiediamo al Congresso di agire per classificare i cani da lavoro a contratto allo stesso livello dei cani da lavoro militari. L’incapacità di fare qualcosa di meno è un fallimento dell’umanità e una condanna di tutti noi.’ 

Condividendo le foto dei cani in gabbia bloccati a Kabul, una persona ha commentato: “Non è un gran giorno per i cani guida americani che sono ancora in aeroporto”. 

La notizia che i cani di servizio statunitensi sono stati lasciati indietro contrasta con gli sforzi di evacuazione del Regno Unito, che hanno visto quasi 200 cani e gatti salvati da Kabul, insieme a un ex Royal Marine Paul “Pen” Farthing, che ha fondato un’organizzazione benefica per il salvataggio di animali mentre era in Afghanistan. 

La campagna del signor Farthing per mettere in salvo i suoi animali è diventata di grande attualità in Gran Bretagna negli ultimi quindici giorni, con alcuni che hanno sostenuto che la scelta di salvare gli animali ha portato a risorse che avrebbero potuto essere utilizzate per evacuare più persone occupate. 

Ieri ha rivelato che i talebani hanno accoltellato a morte uno dei suoi cani. 

La politica recentemente emanata dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, che sospende il trasporto di cani dall’Afghanistan e da più di 100 altre nazioni negli Stati Uniti, è stata un altro terribile impedimento, nonostante i nostri negoziati e le nostre suppliche. Abbiamo chiesto un’esenzione di emergenza in modo che Charlotte e i cani potessero prendere il nostro volo charter questa settimana. Ma l’adesione del CDC alla sua politica di importazione durante questo periodo di crisi ha messo a rischio animali e persone. Siamo allarmati dal fatto che i leader del CDC non stiano portando una prospettiva più equilibrata all’importazione di cani, soprattutto dopo che la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha rimproverato il CDC su questo tema e ha approvato un emendamento per ripristinare un adeguato processo di screening.

Tutta questa situazione ci ricorda che quando i governi, compresi gli Stati Uniti, non riconoscono la connessione umana con gli animali, mettono a rischio le persone. Se Charlotte e il suo staff avessero avuto il permesso di portare i loro animali, con il supporto di gruppi privati ​​di soccorso per animali che avevano pagato e organizzato un volo charter, sarebbero stati al sicuro, e anche gli animali. Ora è ancora a Kabul, lavorando disperatamente per portare questi animali in uno spazio più sicuro.

Anche se questa era la nostra ultima possibilità di evacuare i cani da Kabul prima del 31 agosto, non ci arrendiamo. Al momento stiamo cercando opzioni per trasportare cani e gatti fuori dall’Afghanistan dopo tale scadenza e i fondi che abbiamo raccolto continueranno a sostenere la cura degli animali a Kabul. SPCA International continuerà a fungere da canale di informazione tra KSAR e il pubblico.

Ecco cosa serve:

  • Esortiamo le forze armate statunitensi a non dimenticare gli animali dell’Afghanistan o le persone che si prendono cura di loro. Chiediamo loro di condividere le informazioni più aggiornate sui cani rilasciati nell’aeroporto internazionale di Hamid Karzai e di lavorare con noi sulle opzioni per rimuovere Charlotte e i suoi cani dopo il 31 agosto.
  • KSAR ha bisogno di un supporto continuo. Continueremo a lavorare con Charlotte per utilizzare ogni mezzo possibile per inviare finanziamenti e supporto logistico. 

 

Altre News

Articoli Correlati