Dati Covid in tempo Reale

All countries
232,241,069
Confermati
Updated on 25 September 2021 23:20
All countries
207,120,993
Ricoverati
Updated on 25 September 2021 23:20
All countries
4,756,374
Morti
Updated on 25 September 2021 23:20

Australia. Rapporto WWF. 3 mld di animali uccisi o spariti a causa degli incendi

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPressQuasi tre miliardi di animali – mammiferi, rettili, uccelli e rane – sono stati uccisi o spariti dai devastanti incendi boschivi dell’Australia 2019-2020.
È quasi tre volte una stima precedente pubblicata a gennaio.
La ripartizione è di 143 milioni di mammiferi, 2,46 miliardi di rettili, 180 milioni di uccelli e 51 milioni di rane.

Queste cifre sono state rivelate in un rapporto intermedio intitolato Bushfires: Australia 2019-2020: The Wildlife Toll , commissionato dal World Wide Fund for Nature e ritenuto la prima ricerca al mondo.

Dieci scienziati dell’Università di Sydney, dell’Università del Nuovo Galles del Sud, dell’Università di Newcastle, dell’Università Charles Sturt e BirdLife Australia hanno contribuito alla maggior parte del lavoro.

Il progetto è guidato dal Dr. Lily Van Eeden e supervisionato dal Professor Chris Dickman, entrambi dell’Università di Sydney.

Mentre i risultati sono ancora in fase di definizione, è improbabile che la cifra principale di quasi tre miliardi di animali colpiti cambi.

“I risultati provvisori sono scioccanti. È difficile pensare a un altro evento in qualsiasi parte del mondo nella memoria vivente che ha ucciso o spostato molti animali. Questo è considerato uno dei peggiori disastri della fauna selvatica nella storia moderna “, ha dichiarato Dermot O’Gorman, CEO del WWF-Australia.

“Quando si pensa che quasi tre miliardi di animali nativi si trovino sul percorso degli incendi è assolutamente enorme, è un numero difficile da comprendere”, ha detto il professor Dickman.

Mentre gli scienziati non possono dire quanti animali sono morti, il professor Dickman ha affermato che le prospettive per gli animali sfuggiti alle fiamme erano “probabilmente non così grandi” a causa della mancanza di cibo e riparo o di essere costretti ad abitare già abitati.

A gennaio, il professor Dickman, in collaborazione con scienziati del WWF, ha prodotto una stima iniziale di 1,25 miliardi di animali colpiti. Tuttavia, quel calcolo si è concentrato solo sugli stati del New South Wales e Victoria.

Van Eeden ha dichiarato che per questo progetto il team ha esaminato un’area di impatto antincendio di 11,46 milioni di ettari.

“Riteniamo che una valutazione in tutto il continente del numero di animali che potrebbero essere colpiti non sia mai stata effettuata in Australia prima o in qualsiasi altra parte del mondo. Altre nazioni possono basarsi su questa ricerca per migliorare la comprensione degli impatti degli incendi boschivi ovunque “, ha affermato il dott. Van Eeden.

O’Gorman ha affermato che con gli incendi estremi che diventano sempre più frequenti a causa dei cambiamenti climatici, i risultati provvisori “danno agli altri paesi una finestra sul futuro dei mega incendi e il loro impatto devastante sulla fauna selvatica”.

Ha detto che la ricerca è stata anche rilasciata in tempo per essere presa in considerazione dalla revisione della legge ambientale australiana, la legge sulla protezione dell’ambiente e la conservazione della biodiversità (EPBC).

“A seguito di un tributo così pesante sulla fauna selvatica australiana, rafforzare questa legge non è mai stato così importante. Il WWF continuerà a sostenere politiche a beneficio sia delle persone che della natura, ripristinare ciò che è stato perso e garantire la ricostruzione di un’Australia più resiliente “, ha affermato O’Gorman.

Il professor Dickman ha affermato che la ricerca mostra alle persone che i mega incendi stanno cambiando l’ambiente e che è necessario impoverire la biodiversità e il cambiamento è necessario.

“Con che velocità possiamo decarbonizzare? Quanto velocemente possiamo fermare la nostra bonifica maniacale? Atterriamo a una velocità che è una delle più alte al mondo “, ha detto il professor Dickman.

Le raccomandazioni contenute nel rapporto intermedio chiedono di colmare le lacune nelle conoscenze sulla densità della fauna selvatica e le risposte al fuoco, migliorare la connettività dell’habitat per aiutare le specie mobili a sfuggire al fuoco, identificare e proteggere l’habitat non bruciato cruciale per le specie minacciate, migliorare la prevenzione e la gestione degli incendi e creare squadre di risposta rapida per aiutare le specie colpite dal fuoco.

Si prevede che il rapporto finale sarà completato entro la fine di agosto 2020.

Altre News

Articoli Correlati