Dati Covid in tempo Reale

All countries
227,334,700
Confermati
Updated on 16 September 2021 09:58
All countries
202,308,439
Ricoverati
Updated on 16 September 2021 09:58
All countries
4,675,053
Morti
Updated on 16 September 2021 09:58

Crisanti contro governo e CTS, per loro l’epidemia era finita in estate. Inascoltato il nostro Piano

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – “Non ho più avuto riscontri alla mia proposta. Ora a distanza di quasi tre mesi vengono emanati nuovi decreti del presidente del consiglio, destinati ad impattare sulla nostra qualità della vita e sulle nostre attività lavorative, subiti pazientemente con la speranza che possano contribuire a diminuire il contagio”.

Lo dice Andrea Crisanti, virologo dell’Università di Padova, parlando del piano consegnato al governo il 20 agosto scorso  che aveva delineato scenari e previsto azioni di intervento per evitare una seconda ondata, quella che purtroppo ora il Paese sta vivendo.

Il documento è integralmente pubblicato da Lettera150, la rivista del relativo think tank (www.lettera150.it), nato sulla spinta del primo lockdown e a cui aderiscono circa 250 accademici di diverse discipline, tra i quali lo stesso Crisanti.

Tracciamento automatico di tutti gli appartenenti agli ambienti di vita dei positivi e tamponi diffusi, fino a 400mila al giorno se necessario, per spegnere sul nascere i focolai di Covid-19.

“Ancora una volta, tuttavia, si persiste nell’errore di non chiedersi come, ridotto il contagio con misure progressivamente restrittive, si faccia a mantenerlo a livelli bassi. La mancata risposta a questa domanda ci condannerà a una altalena di misure restrittive e ripresa di normalità che avrà effetti disastrosi sull’economia, l’educazione e la vita di relazione”.

E’ urgente in Italia creare un sistema di sorveglianza attiva dei casi di Covid-19 per non danneggiare l’economia.  Con le misure restrittive dell’ultimo Dpcm, scrive, “si persiste nell’errore di non chiedersi come, ridotto il contagio con misure progressivamente restrittive, si faccia a mantenerlo a livelli bassi”. Inoltre “la mancata risposta a questa domanda ci condannerà a una altalena di misure restrittive e ripresa di normalità che avrà effetti disastrosi sull’economia, l’educazione e la vita di relazione”.

“Convivere col virus significa portarlo al livelli trasmissione bassa in modo da mantenere una qualità di vita decente e portare avanti l’economia. Si fa solo interrompendo le catene di trasmissioni, ma con 10-12.000 casi al giorno nessun sistema è in grado di farlo”, ha poi detto  durante Agorà, su Rai 3, sottolineando che “se la App Immuni funzionasse a perfezione e venisse scaricata dal 90% degli italiani, oggi con 10-12.000 casi dovrebbe mandare 150.000-200.000 messaggi al giorno e non c’è sistema che è in grado di gestire questo”. Con la capacità che abbiamo” tra 1.500 e 2.000 casi al giorno già non siamo più in grado di fare il tracciamento. Saltata la soglia non funziona più niente. La Lombardia ha avuto l’onestà di dirlo”.

 

Altre News

Articoli Correlati