Dati Covid in tempo Reale

All countries
263,249,085
Confermati
Updated on 1 December 2021 14:06
All countries
235,981,400
Ricoverati
Updated on 1 December 2021 14:06
All countries
5,237,116
Morti
Updated on 1 December 2021 14:06

Dopo la Basilica di Santa Sophia, Erdogan trasforma il Museo Kariye in un’altra Moschea

- Advertisement -

AgenPress – Dopo aver decretato che Santa Sofia, prima chiesa bizantina, poi moschea e quindi museo, tornasse ad essere luogo di culto islamico, Recep Tayyip Erdogan ha emesso un nuovo decreto presidenziale che trasforma San Salvatore in Chora, già chiesa bizantina e diventata Museo Kariye dopo la seconda guerra mondiale, in una moschea. 

Entrambi i cambiamenti riflettono gli sforzi di Erdogan per galvanizzare i suoi sostenitori più conservatori e nazionalisti in un momento in cui la Turchia sta subendo un nuovo periodo di inflazione e incertezza economica causato dal coronavirus.

- Advertisement -

Ma le mosse si sono aggiunte ai problemi della Turchia con i prelati sia nel mondo ortodosso che in quello cattolico.

Il ministero degli Esteri greco ha definito la decisione “l’ennesima provocazione contro i religiosi ovunque” da parte del governo turco.

La storia dell’edificio Kariye di 1.000 anni rispecchia da vicino quella della Basilica di Santa Sofia, la sua vicina più grande e famosa sulla sponda occidentale dell’estuario del Corno d’Oro, nella parte europea di Istanbul.

- Advertisement -

Il Santissimo Salvatore a Chora era una chiesa bizantina decorata con affreschi del Giudizio Universale del XIV secolo che rimangono apprezzati nella cristianità.

Fu originariamente convertito nella Moschea Kariye mezzo secolo dopo la conquista di Costantinopoli del 1453 da parte dei turchi ottomani.

Divenne il Museo Kariye dopo la seconda guerra mondiale quando la Turchia andò avanti con la creazione di una nuova repubblica più secolare dalle ceneri dell’Impero Ottomano.

Un gruppo di storici dell’arte americani ha poi contribuito a restaurare i mosaici della chiesa originale e li ha aperti per l’esposizione pubblica nel 1958.

Ma Erdogan sta ponendo un’enfasi politica sempre maggiore sulle battaglie che hanno portato alla sconfitta di Bisanzio da parte degli Ottomani.

Il principale tribunale amministrativo della Turchia ha approvato la conversione del museo in moschea a novembre.

“E ‘un luogo ricco di storia che detiene un sacco di simbolismo per molte persone diverse”, ha detto il turista francese di 48 anni Frederic Sicard fuori dall’edificio.

“Per me, (queste conversioni) sono un po ‘difficili da capire e da seguire. Ma visiteremmo se fosse una moschea. Potremmo semplicemente organizzare le visite intorno ai tempi di preghiera”.

La struttura color sabbia visibile oggi ha sostituito un edificio creato come parte di un monastero quando Costantinopoli divenne la nuova capitale dell’Impero Romano nel IV secolo.

Presenta un minareto in un angolo e piccole cupole a cascata simili a quelle di altre grandi moschee le cui chiamate alla preghiera echeggiano sulle colline di Istanbul.

Ma al suo interno è pieno di magnifici affreschi e mosaici che rappresentano alcuni dei migliori esempi di arte bizantina nel mondo cristiano.

I tumultuosi sforzi della Turchia per conciliare queste due storie costituiscono le basi della politica e della vita sociale contemporanee del paese.

Il parlamentare del partito di opposizione HDP Garo Paylan ha definito la trasformazione “una vergogna per il nostro paese”.

“Uno dei simboli della profonda identità multiculturale e della storia multireligiosa del nostro Paese è stato sacrificato”, ha twittato.

Lo storico dell’Impero ottomano Zeynep Turkyilmaz definì la conversione “distruzione” perché le pareti dell’edificio sono rivestite di arte cristiana che avrebbe dovuto essere coperta o intonacata, come lo erano gli ottomani.

“È impossibile nascondere gli affreschi e i mosaici perché decorano l’intero edificio”, ha detto lo storico all’AFP.

“Ci sono dozzine, centinaia di chiese, sinagoghe a Istanbul e solo alcune di esse sono state aperte alla preghiera come moschee”, ha detto Yucel Sahin mentre passeggiava per l’edificio dopo la pioggia mattutina.

“C’è molta tolleranza nella nostra cultura”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati