Le autorità statunitensi hanno bloccato l’impiego del vaccino prodotto da Johnson & Johnson

- Advertisement -

AgenPress. L’agenzia per i farmaci dell’Unione europea si riserva una decisione in merito al vaccino anti-covid prodotto da Johnson & Johnson, dopo che le autorità statunitensi ne hanno bloccato l’impiego, per il rischio, definito estremamente raro, di una forma di trombosi come effetto collaterale.

Le difficoltà di Johnson & Johnson sono solo gli ultimi problemi in ordine di tempo del comparto vaccini, che in Europa sta subendo ritardi a ripetizione soprattutto a causa delle carenze di approvvigionamento e di problemi logistici, ma anche per il crescente timore dei pazienti sugli effetti collaterali, emersi con forza dopo l’avvio delle somministrazioni col vaccino di Astra Zeneca.

- Advertisement -

Secondo l’Agenzia europea dei farmaci al momento non è chiaro se il vaccino Johnson & Johnson, distribuito negli Usa in 6,8 milioni di dosi, abbia causato i 6 casi di trombosi registrati. La settimana scorsa l’Agenzia aveva parlato di “possibili legami” tra il vaccino Astra Zeneca e i fenomeni collaterali dichiarati, sottolineando però che i benefici certi della vaccinazione superano di gran lunga i rischi, possibili, legati alla somministrazione del vaccino.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati