Dati Covid in tempo Reale

All countries
179,840,379
Confermati
Updated on 22 June 2021 22:28
All countries
162,871,692
Ricoverati
Updated on 22 June 2021 22:28
All countries
3,895,109
Morti
Updated on 22 June 2021 22:28

Usa. Eseguita pena di morte su un afroamericano. Aveva commesso un omicidio a 19 anni

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Christopher Vialva, 40 anni  è stato dichiarato morto alle 6:42 (ora locale) dopo un’iniezione letale in una prigione governativa americana a Terre Haute, in Indiana.Si tratta della settima esecuzione federale da quando è stata ripristinata dal presidente Donald Trump lo scorso luglio e la prima di un afroamericano.

È stato condannato 20 anni fa per gli omicidi del 1999 di due giovani ministri a Fort Hood, in Texas. Al momento del crimine aveva 19 anni. Il crimine è stato grave, il suo avvocato e altri sostenitori sono d’accordo.

Ma dopo decenni di ricerca sullo sviluppo del cervello degli adolescenti, l’ annuncio del Dipartimento di Giustizia solleva una domanda chiave: una persona dovrebbe ricevere la punizione definitiva per un crimine che ha commesso in gioventù?

“Nonostante la natura molto, molto odiosa del crimine per cui Christopher è stato condannato, è mia posizione che, in base alla scienza, il suo cervello non fosse il cervello di un adulto a tutti gli effetti”, Jason Chein, professore di psicologia alla Temple University e autore di un recente editoriale sulla sentenza di Vialva, ha detto alla CNN. “E questo mi porta alla conclusione che la punizione di togliersi la vita è troppo severa.”

Il 31 luglio il Dipartimento di Giustizia ha annunciato di voler giustiziare Vialva, insieme a William LeCroy , giustiziato martedì. Sarà la settima esecuzione federale da quando il Dipartimento di Giustizia ha concluso una pausa di 17 anni sulla pratica a luglio.
Vialva è stato processato per il suo ruolo, insieme a un gruppo di adolescenti, nel 1999 nel furto d’auto e nell’uccisione di Todd e Stacie Bagley a Fort Hood, in Texas, secondo una dichiarazione del Dipartimento di Giustizia.
Un tribunale federale ha scoperto che Vialva ha sparato alla coppia, mentre il co-imputato Brandon Bernard, che all’epoca aveva 18 anni, ha dato fuoco all’auto per distruggere le prove. Entrambi sono stati giudicati colpevoli e condannati a morte .
Il crimine per cui Vialva è stato condannato era “vile” e non c’è dubbio che dovrebbe essere ritenuto responsabile, ha detto Chein. Ma la ricerca emersa dopo il suo processo ha dimostrato che il cervello di qualcuno nella tarda adolescenza e all’inizio dei vent’anni non è ancora completamente maturo .
“Le prove ci dicono che un individuo a questa età ha il potenziale per il cambiamento”, ha detto Chein. “La loro personalità e i loro comportamenti non sono fissati nel modo in cui potremmo pensare che alla fine diventino in un adulto più maturo”.

Altre News

Articoli Correlati