Dati Covid in tempo Reale

All countries
180,368,337
Confermati
Updated on 24 June 2021 04:31
All countries
163,365,124
Ricoverati
Updated on 24 June 2021 04:31
All countries
3,907,556
Morti
Updated on 24 June 2021 04:31

Vaccinazioni: le nuove fasce di priorità

- Advertisement -
AgenPress. Il piano vaccini è stato aggiornato per la seconda fase, prevedendo l’introduzione di altre fasce di cittadini per la somministrazione con la priorità verso i soggetti più vulnerabili. Si tratta dell’aggiornamento del piano nazionale vaccinazioni per SarsCov2. La proposta comunque deve passare ancora il vaglio della Conferenza Stato-Regioni.
Sono 6 le categorie che verranno vaccinate prioritariamente nella seconda fase della campagna vaccinale anti-Covid:
la prima sarà quella dei soggetti “estremamente vulnerabili” per particolari patologie, indipendentemente dall’età; le persone tra 75 e 79 anni; tra 70 e 74 anni; persone con particolare rischio clinico dai 16 ai 69 anni; persone tra 55 e 69 anni senza condizioni che aumentano il rischio clinico; persone tra 18 e 54 anni senza aumentato rischio clinico.
Alle prime 5 categorie andranno i vaccini a mRna, alla sesta quello AstraZeneca.
La vaccinazione di massa partirà da Pasqua in avanti – spiega Nicola Magrini, direttore dell’Agenzia italiana del farmaco – potremmo essere in grado di vaccinare 10 milioni di cittadini e più al mese. Ci aspettiamo che non tardi il vaccino di Johnson&Johnson il cui dossier è in corso di valutazione presso Ema”.
Per quanto riguarda il vaccino AstraZeneca, indicato sotto i 55 anni mentre altri Paesi hanno posto il limite dei 65, Magrini afferma che “in Italia è prevalso il parere di Aifa per cui a partire dal dossier dell’ Agenzia europea per i medicinali si è visto che i dati di efficacia stimabili erano limitati agli under 55. Nella fascia 55-65 anni i dati erano” troppo “pochi”. Il direttore dell’Aifa sottolinea, comunque, che “AstraZeneca è comunque registrato per tutti” e che “non bisogna essere diffidenti”.
Per Magrini “gli anticorpi monoclonali sono potenzialmente promettenti per una certa tipologia di pazienti ben definita, quindi si è deciso di dare un’apertura all’uso in via eccezionale e temporanea. Non è un via libera, non è un’ approvazione piena”.
Intanto è stato pubblicato il decreto sui monoclonali, la loro distribuzione sarà affidata al commissario straordinario Domenico Arcuri.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati