Dati Covid in tempo Reale

All countries
177,600,832
Confermati
Updated on 16 June 2021 20:11
All countries
160,358,743
Ricoverati
Updated on 16 June 2021 20:11
All countries
3,841,062
Morti
Updated on 16 June 2021 20:11

007 Usa. La Cina stava preparando la 3^ Guerra Mondiale con armi biologiche, come un virus

AgenPress – Un dossier del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha rivelato che la Cina si stava preparando per combattere una terza guerra mondiale con armi biologiche, compresi i coronavirus.  Il clamoroso documento svela che gli scienziati hanno studiato a lungo come manipolare le malattie “in un modo mai visto prima”.

Un documento ottenuto dai servizi segreti americani e riportato da varie testate internazionali, tra cui The Australian e il Daily Mail, mostrerebbe che gli scienziati cinesi si sarebbero preparati negli ultimi 6 anni a combattere la Terza Guerra Mondiale con armi biologiche. Nel dossier si leggerebbe che queste sarebbe le “armi determinanti per la vittoria”, sottolineando le condizioni perfette per liberarle nell’ambiente e gli effetti che potrebbero avere sui Paesi nemici.

Pechino avrebbe dunque iniziato a considerare il potenziale militare dei coronavirus come quello della Sars già dal 2015, e il dipartimento della Difesa degli Stati Uniti sta riprendendo in considerazione la possibilità che quello responsabile della pandemia di Covid-19 possa essere scappato da un laboratorio in Cina.

Il documento degli scienziati dell’Esercito Popolare di Liberazione sinico parlerebbe di manipolazioni genetiche dei virus con tecniche “mai viste prime” e una guerra mondiale combattuta sul piano delle tecnologie genetiche. La nuova bomba atomica sarebbe dunque un’arma biologica, da diffondere a precise condizioni climatiche e meteorologiche.

Un attacco simile verso una o più nazione nemiche, si leggerebbe ancora nel dossier, porterebbe a un immediato picco del numero di pazienti che necessitano di essere ricoverati in ospedali, con un collasso in breve periodo della tenuta dei nosocomi e distruggendo i sistemi sanitari nemici.

Le rivelazioni  spiegano che l’idea della Cina è che i coronavirus sarebbero dovuti essere “l’arma principale per la vittoria” nel terzo conflitto mondiale e venivano anche delineate le condizioni perfette per rilasciare un’arma biologica e causare il massimo danno possibile, documentando l’impatto che avrebbe sul “sistema medico del nemico”.

Lo scenario da film di guerra corrisponderebbe a quello che è effettivamente successo a partire da dicembre 2019, con l’inizio delle infezioni a Wuhan, dove si trova un laboratorio di virologia ad alta sicurezza. Nonostante gli studiosi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ritengano improbabile che il Sars-Cov-2 possa essere stato liberato per errore proprio in quel centro di ricerca, il nuovo documento cinese fa sorgere nuovi dubbi sulla natura del coronavirus e sulle intenzioni della Cina.

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati