Brexit. Corbin attacca Johnson. “Ora deve rispettare la legge sul rinvio”

301

Agenpress – Il premier britannico, Boris Johnson, “ora deve rispettare la legge” che prevede un rinvio della Brexit. Lo ha dichiarato il leader dei laburisti, Jeremy Corbyn che sollecita il premier conservatore a “riflettere molto attentamente” sul suo rifiuto di chiedere una prorogo del periodo di negoziazione sulla base dell’articolo 50.

“Riteniamo che alla fine il popolo debba avere l’ultima parola sulla Brexit”, ha aggiunto confermando l’intenzione di chiedere un referendum sull’accordo raggiunto tra Johnson e Bruxelles.

Il voto alla Camera dei Comuni sull’accordo per la Brexit ci sarà lunedì, ha annunciato il conservatore Jacob Rees-Mogg. Gli unionisti nordirlandesi del Democratic Unionist Party prima dell’inizio delle votazioni, non aveva ancora sciolto la riserva: poco prima hanno fatto sapere che avrebbero appoggiato l’emendamento.

Il voltafaccia degli alleati del Dup sarebbe stato decisivo, secondo le prime rilevazioni, per l’approvazione dell’emendamento. I 10 deputati del Dup, che avevano già annunciato il loro no al deal, hanno deciso all’ultimo minuto anche di votare a favore dell’emendamento. Se avessero fatto la scelta opposta, i sì sarebbero stati solo 312 e i no 316.

Dal conteggio del voto sull’emendamento Letwin, si verifica che hanno votato a favore – contro le indicazioni del governo Johnson – 10 degli oltre 20 dissidenti Tory espulsi o usciti dal gruppo nelle ultime settimane. Mentre hanno votato contro – ossia a favore del governo – 6 laburisti pro Brexit e altri 4 si sono astenuti.

Astenuti anche due conservatori tuttora membri del gruppo. Dopo la sconfitta del governo nel voto sull’emendamento Letwin, i deputati conservatori sono usciti in massa dall’aula della Camera dei Comuni. Il governo aveva già annunciato che in caso di approvazione del’emendamento, che rinvia il voto sull’accordo per la Brexit negoziato dal premier Boris Johnson, l’accordo stesso sarebbe stato ritirato dall’ordine dei lavori di oggi.

“La Commissione europea prende atto del voto della Camera dei Comuni sul cosiddetto emendamento Letwin. L’emendamento indica che l’accordo di ritiro stesso non è stato messo ai voti oggi. Spetterà al governo del Regno Unito informarci al più presto sulle fasi successive”, dice la portavoce della Commissione, Mina Andreeva, dopo il voto di Westminster.

Il gruppo direttivo sulla Brexit del Parlamento europeo “esaminerà lunedì l’esito del voto odierno sull’emendamento Letwin, dice il coordinatore del gruppo su Brexit dell’Eurocamera, Guy Verhofstadt. “Qualunque cosa accada dopo, le marce fuori dal Parlamento mostrano quanto sia importante una stretta relazione futura tra Ue e Regno Unito”.