Ilva. Stop allo scudo per i manager, i sindacati al governo, “incontro urgente”

114

Agenpress – Approvato dalle commissioni Industria e Lavoro del Senato l’emendamento del M5s che sopprime l’articolo 14 del dl ‘salva-impresè. Saltano così le tutele legali, il cosiddetto “scudo”, per i manager dell’ex Ilva, ora Arcelor Mittal. Sul punto nei giorni scorsi era stato raggiunto un accordo di maggioranza. L’ok è stato preceduto dal sì all’ordine del giorno di Pd e Iv che impegna il governo a garantire il mantenimento dell’attività nel sito di Taranto.

I sindacati dei metalmeccanici Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil scrivono al ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, chiedendo una “convocazione urgente” al Mise su Arcelor Mittal, “per una verifica degli impegni assunti tra le parti con l’accordo di settembre 2018”.

“Le vicende di queste settimane – affermano -, riferite alle prospettive industriali e occupazionali del gruppo Arcelor Mittal Italia, destano grande preoccupazione” e “incertezze”.

La decisione di abrogare la norma che prevedeva “non una immunità penale ma una immunità limitata alla realizzazione del piano ambientale, e dunque a perimetro e a protata limitata”, è un “fatto grave” che aggiunge ulteriore incertezza al futuro di ArcelorMittal nel nostro paese: quello che si profila ora sarà “nella migliore delle ipotesi il rischio di una drastica riduzione dell’occupazione, nella peggiore il prologo ad un disimpegno a lasciare il nostro paese”, scrivono i leader di Fim Fiom e Uilm, Marco BentivogliFrancesca Re David e Rocco Palombella.

Duro il commento anche di Luigi Sbarra, segretario generale aggiunto della Cisl: È “inconcepibile ed incomprensibile la decisione del governo di smantellare lo scudo legale indispensabile per concludere il percorso di ambientalizzazione di arcelor mittal. In questo modo non solo si blocca la produzione del polo siderurgico, ma si offre un pretesto formidabile alla proprietà per disinvestire e andar via dal nostro paese. Una responsabilità pesantissima che il governo si assumerebbe in pien”