Mes. Ministero Economia francese: no a rinegoziare il testo. Raggiunto un buon punto di equilibrio

363

Agenpress – E’ “stato difficile” raggiungere l’accordo,  “non pensiamo che sia il momento di rinegoziare il testo. L’abbiamo sostenuto e continuiamo a sostenerlo. Non vediamo ragioni per riaprire le discussioni”:.

Fonti del ministero francese dell’Economia ritengono che l’attuale compromesso raggiunto sul Mes “sia un buon punto di equilibrio”. E’ il “risultato di un accordo raggiunto tra diversi Paesi, tra cui l’Italia”.

Quanto ad un eventuale rinvio della ratifica, Parigi si mostra assolutamente possibilista. “Se un Paese ha bisogno di un po’ più di tempo, vedi le procedure parlamentari in Italia, bisogna tenerne conto. L’obiettivo non è mettere l’Italia in un angolo”. Per la Francia, l’idea è che il prossimo Eurogruppo “finalizzi” l’accordo, poi ci sono tempi tecnici e giuridici di cui di può e si deve tenere conto, per la ratifica.

Tra gli elementi “tecnici” che potrebbero contribuire a far slittare la ratifica del trattato sul Meccanismo europeo di Stabilità (ma non l’accordo, che anche la Francia intende “finalizzare” entro il prossimo Eurogruppo), le fonti parigine hanno citato le “clausole di azione collettiva, un punto piuttosto tecnico, che potrebbero necessitare di un po’ di lavoro giuridico”. Ma l’idea, puntualizzano a Parigi, è comunque quella di chiudere il testo entro l’Eurogruppo, dove ci “attendiamo una conferma dell’accordo”.