Libri. “22 Gradini per l’Inferno” dà nuova linfa alle indagini sull’omicidio dell’ultrà Di Ponto

804

Agenpress. “22 gradini per l’Inferno. Dal mostro di Nerola al depezzatore di Roma. I serial killer italiani nella Scala del Male” dà nuova linfa alle indagini sull’omicidio di Gabriele Di Ponto.

Dopo l’uscita del nuovo libro dei giornalisti Rita Cavallaro ed Emilio Orlando, edito Male Edizioni di Monica Macchioni, che nell’ultimo capitolo si sono occupati proprio del depezzatore di Roma, un collaboratore di giustizia si è recato dagli investigatori che indagano sulla scomparsa dell’ultrà laziale, di cui ad agosto del 2015 fu ritrovato solo un piede sulle rive dell’Aniene.

Come rivelato dal quotidiano Leggo l’informatore ha svelato agli inquirenti: «Il corpo fatto a pezzi di Gabriele Di Ponto è stato gettato in un tombino a San Basilio» e ha raccontato che l’omicidio di Di Ponto sarebbe maturato nel contesto di un regolamento di conti nell’ambito della droga, che il corpo venne straziato in un appartamento di San Basilio, gettato in una fognatura nella roccaforte dello spaccio e che il piede venne tranciato, per poi essere abbandonato in un posto diverso da dove era stato ucciso principalmente per lanciare un messaggio inquietante ad eventuali sodali infedeli.

L’identificazione, infatti, fu immediata, grazie ad un tatuaggio sul polpaccio in cui c’era scritto “Ogni giorno è buono per morire” e con accanto la figura di Mr. Enrich, simbolo degli ultras Laziali. Nella scorsa estate erano emersi altri particolari utili a ricostruire la vicenda dell’orrore di cui rimase protagonista il pregiudicato trentaseienne legato al clan di Fabrizio Piscitelli, il capo ultrà della Lazio assassinato in via Lemonia, al Parco degli Acquedotti.