Sanremo, caso Gregoraci, Codacons: Festival parte con piede sbagliato

350

Agenpress. I vertici Rai dovranno dare spiegazioni esaustive ai cittadini su quanto denunciato da Elisabetta Gregoraci circa l’ingiustificata esclusione dal programma “L’altro Festival” a causa dei suoi rapporti con Flavio Briatore e delle simpatie politiche dell’imprenditore.

“Il Festival di Sanremo è partito decisamente col piede sbagliato – afferma il presidente Carlo Rienzi – Prima l’intenzione di scegliere come conduttrice un personaggio controverso come Chiara Ferragni, poi i veti iniziali su Rula Jebreal, per arrivare ora alla censura di Elisabetta Gregoraci per motivi inspiegabili. Senza considerare la scelta dei cantanti in gara, che sembra motivata dall’esigenza di garantire audience andando a pescare dal mondo dei talent e dalle classifiche Spotify”.

“La politica deve restare fuori dal Festival, e i vertici Rai farebbero bene a chiarire ai cittadini i motivi che hanno portato all’esclusione della Gregoraci, perché se davvero tale scelta fosse motivata da ragioni di partito, ci troveremmo di fronte ad una censura inaccettabile e illegittima” – aggiunge Rienzi, che ricorda come Elisabetta Gregoraci si sia spesso distinta per la sensibilità verso i più deboli, sostenendo in passato assieme al Codacons un progetto benefico per l’assistenza ai bambini ricoverati presso il reparto oncologico pediatrico del Policlinico Umberto I di Roma.