Donne medico? Protagoniste per natura

1106

UGUALMENTE IN TEMPO DI CORONAVIRUS

 AIDM IN AZIONE ANCHE FUORI DALLE CORSIE


Agenpress. In forza della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 184 del 10 agosto 2015, che istituiva la “Giornata nazionale dedicata alla salute della donna”, considerando che l’attuale situazione pandemica porta le donne ad avere esigenze di salute diverse in materia di cura ed assistenza, l’Associazione Italiana Donne Medico (A.I.D.M.), quale società scientifica nazionale unica nel suo genere ed affiliata alla Federazione Italiana delle Società Medico Scientifiche Italiane (F.I.S.M.), lancia la campagna Donne e Salute al tempo di Coronavirus.

L’Associazione Italiana Donne Medico crede fermamente che la corretta informazione sia il miglior antidoto contro la paura e, registrando uno stato d’animo che tante donne stanno vivendo in questi giorni a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, si propone di istituire nella “Giornata Nazionale della Salute della Donna”, prevista ogni 22 Aprile, un contact center dedicato, che risponde all’indirizzo coronavirus@donnemedico.org e un Numero Verde gratuito AIDM, rivolto a tutte le donne del nostro Paese; tale iniziativa ha lo scopo di trovare nel servizio di ascolto la promozione di un approccio interdisciplinare tra le diverse aree mediche, che tenga conto delle differenze derivanti dal genere, garantendo l’appropriatezza della cura, della prevenzione, della diagnosi e della ricerca.

In questo contesto l’Associazione Italiana Donne Medico, nonostante la Pandemia che attanaglia il nostro Paese e che vede protagoniste tante Colleghe in prima linea al servizio della lotta al Coronavirus, ritiene importante l’opportunità di promuovere una giornata nazionale orientata a sensibilizzare e a focalizzare l’attenzione sul tema della salute dell’universo femminile, in tutte le età della vita, dalla nascita alla senescenza.

Sappiamo come, in questi giorni di grave emergenza sanitaria, molte donne possano avvertire la necessità di un consiglio specialistico, non solo per la condizione di isolamento a cui tutti siamo sottoposti per il contenimento del virus, ma anche per la riduzione di visite e prestazioni ambulatoriali che sta rendendo meno intenso il rapporto con i propri specialisti.

L’iniziativa nasce, dunque, dall’esigenza di rispondere a dubbi, incertezze e richieste d’informazione, che possano sorgere fra chi deve conciliare le restrizioni per l’emergenza COVID-19 con la gestione di una problematica medica.

Grazie all’ampia adesione delle socie AIDM, oltre al numero verde, si potrà offrire attraverso una piattaforma multimediale, che funga da vero Sportello On Line, un ulteriore servizio dove le donne potranno trovare risposte alle loro svariate esigenze sanitarie.

L’Associazione Italiana Donne Medico si è sempre occupata di prevenzione, diagnosi, terapie mediche, chirurgiche, terapie palliative, riabilitative e quanto altro possa essere determinante per la realizzazione degli obiettivi di salute, privilegiando i percorsi scientifici condivisi con Enti Istituzionali e altre Società Scientifiche accreditate, promuovendo la salute in ottica di genere, come da normative nazionali in materia.

Si è, inoltre, distinta negli anni per la promozione  di  approcci interdisciplinari tra aree mediche e aree di altre discipline scientifiche per lo sviluppo di ricerche che, come indica l’Organizzazione Mondiale della Sanità, studino il Genere come determinante di salute e approfondiscano gli effetti sul benessere delle diseguaglianze e differenze di genere, per lo sviluppo di approcci diversificati ed efficaci per le donne e per gli uomini; l’AIDM è da sempre vocata alla promozione e divulgazione della conoscenza e al sostegno alla ricerca in riferimento alla Medicina di Genere, intesa ad incrementare le competenze che caratterizzano le differenze di salute tra gli uomini e le donne in tutte le discipline medico chirurgiche.

L’azione dell’Associazione Italiana Donne Medico promuove i valori etici ai più elevati livelli standard per assicurare l’equità di genere tanto in ambito sanitario, quanto in ambito lavorativo, garantendo pari opportunità ed evitando ogni forma di discriminazione.