Fase 2. Zaia, 100 giorni dall’inizio di tutto. Abbiamo avuto giornate tragiche di totale paralisi

367

Agenpress –  “Oggi è il centesimo giorno dall’inizio di tutto, il 21 febbraio. Non sarebbe stata la stessa tragedia  se non ci fosse stata la comunicazione. Grazie di cuore”.

Lo dice il governatore del Veneto Luca Zaia, ringraziando i giornalisti, i quali ha sottolineato, “sono stati un punto di riferimento. Ci avete aiutato in un percorso non facile, in questi 100 giorni abbiamo avuto delle giornate veramente tragiche pensiamo alle quattro settimane senza dispositivi, di totale paralisi del mondo rispetto a quelle che erano le nostre necessità”.

Il Veneto conta di arrivare a settembre a 30 mila tamponi processati “se ottimizziamo le macchine.  “In questo momento – ricorda – sono 14 i laboratori che lavorano nella regione per processare i tamponi”.

Sull’esclusione dell’Italia dalle nazioni verso le quali è stata decisa la riapertura, “la Grecia ha avuto un comportamento assolutamente riprovevole”.

“Mi fa incazzare  che questo atteggiamento venga da un Paese che sta in Europa. Se fossi io il ministro degli esteri italiano sarei già ad Atene”. Dalla Grecia “non me lo sarei mai aspettato. Bisogna intervenire subito”. “Non ci risulta – ha concluso Zaia – che la sanità greca sia come quella veneta o quella italiana. Da parte del Veneto non c’è preclusione per nessuno”.