Coronavirus. Morti nelle Rsa. Indagata direttore Asl Vercelli per omissione di atti d’ufficio

230
Chiara Serpieri, direttore generale dell'Asl di Vercelli

Agenpress –  Chiara Serpieri, direttore generale dell’Asl di Vercelli, è stata iscritta nel registro degli indagati nell’inchiesta sulle morti, oltre quaranta, durante l’emergenza Coronavirus nella casa di riposo di piazza Mazzini, a Vercelli.

Omissione di atti d’ufficio il reato ipotizzato dal pm Davide Pretti. Al vaglio degli inquirenti i ritardi nell’attivazione della commissione di vigilanza per gli accertamenti sul rispetto delle misure di sicurezza all’interno della struttura.

Secondo la procura, l’Asl di Vercelli non avrebbe preso misure sufficientemente tempestive dopo la comunicazione della difficile situazione all’interno della Rsa di piazza Mazzini da parte della direzione. Il direttore della struttura, Alberto Cottini, il primo ad essere stato indagato insieme con la direttrice sanitaria Sara Bouvet, sarebbe stato convocato dall’Azienda sanitaria dopo una settimana dalle prime richieste d’aiuto. A Serpieri, la quale al momento non rilascia dichiarazioni, è stato sequestrato il cellulare.