Oxfam, 121mln di persone possono morire di fame nel 2020 a causa del Covid

644

AgenPress – “COVID-19 è l’ultima goccia per milioni di persone già alle prese con gli impatti di conflitti, cambiamenti climatici, disuguaglianza e un sistema alimentare rotto, che ha impoverito milioni di produttori e lavoratori alimentari. Nel frattempo, quelli al vertice continuano a realizzare profitti: otto delle più grandi aziende alimentari e delle bevande hanno pagato oltre 18 miliardi di dollari agli azionisti da gennaio, anche se la pandemia si stava diffondendo in tutto il mondo, molte volte più di quanto le Nazioni Unite affermino che è necessario fermare la gente che ha fame”.

Così il direttore esecutivo ad interim di Oxfam, Chema Vera, spiegando come quest’anno potrebbero morire 12mila persone al giorno, per fame. Una condizione legata al COVID-19. Decessi che potenzialmente sono più di ne potrebbe uccidere la malattia. L’ha affermato Oxfam in un nuovo rapporto pubblicato. Il tasso di mortalità giornaliera osservata globalmente per COVID-19 ha infatti raggiunto il suo punto più alto, registrato nell’aprile 2020, con poco più di 10.000 decessi al giorno.

“The Hunger Virus” rivela come 121 milioni di persone in più potrebbero essere portate sull’orlo della fame quest’anno a causa delle ricadute sociali ed economiche dovute alla pandemia, anche attraverso la disoccupazione di massa, l’interruzione della produzione e delle forniture alimentari e il calo degli aiuti.

Il rapporto rivela i dieci peggiori hotspot della fame nel mondo, luoghi come il Venezuela e il Sud Sudan, dove la crisi alimentare è più grave e peggiora a causa della pandemia. Sottolinea inoltre epicentri emergenti di fame “paesi a reddito medio come l’India, il Sudafrica e il Brasile” in cui milioni di persone sono state colpite duramente dalla pandemia.