E’ morta Kelly Preston moglie di John Travolta. Era malata di tumore al seno

370
AgenPress – “E’ con il cuore molto pesante che vi informo che la mia bellissima moglie Kelly ha perso i suoi due anni di battaglia contro il cancro al seno. Ha combattuto una lotta coraggiosa con l’amore e il sostegno di tantissimi.
Io e la mia famiglia saremo per sempre grati ai suoi medici e infermieri al MD Anderson Cancer Center, tutti i centri medici che hanno aiutato, così come ai suoi tanti amici e cari che sono stati al suo fianco. L ‘ amore e la vita di Kelly saranno sempre ricordati.
Mi prenderò un po ‘di tempo per esserci per i miei figli che hanno perso la madre, quindi perdonatemi in anticipo se non ci sentite per un po’. Ma sappiate che sentirò la vostra effusione d’amore nelle prossime settimane e nei prossimi mesi mentre guariamo.
Tutto il mio amore, Buon compleanno”.
Con queste parole John Travolta ha comunicato la morte della moglie  Kelly Preston, 57anni.

 

Nata a Honolulu il 13 ottobre 1962, aveva esordito come modella a soli 16 anni. Il suo debutto cinematografico avvenne con “Dieci minuti a mezzanotte” del 1983. Nella sua carriera ha recitato in pellicole come “Christine – La macchina infernale” di John Carpenter, “I gemelli” con Arnold Schwarzenegger e Danny DeVito, “Weekend senza il morto”, “Dal tramonto all’alba”, “Jerry Maguire” (era la fidanzata di Tom Cruise, Avery Bishop), “Innamorati cronici”, “Gioco d’amore” con Kevin Costner, “Battaglia per la Terra” con il marito John Travolta, “Una ragazza e il suo sogno”, “L’ora della verità”, “Gotti – Il primo padrino” (sempre con Travolta).

La Preston e Travolta si incontrarono nel 1987 sul set del film “Gli esperti americani” e si sposarono a Parigi nel 1991. Entrambi adepti di Scientology, hanno avuto tre figli, Jett (1992), Ella Bleu (2000) e Benjamin (2010).

Nel 2009 la coppia ha vissuto il terribile lutto della morte di Jett, non ancora 17enne, mentre era in vacanza con la famiglia alle Bahamas. Il decesso è avvenuto per cause non ben precisate o accertate (aveva battuto la testa sul bordo di una vasca da bagno, dopo una caduta provocata forse da un infarto, forse da un attacco epilettico). Solo anni dopo, la coppia ha ammesso che il ragazzo era autistico.