Camici Lombardia. M5S chiede le dimissioni di Fontana. Il PD “valuta”, “è debole e a fine corsa”

382

AgenPress –  “Abbiamo atteso due mesi di fughe e silenzi per ascoltare un’ora di vuota paternale. Siamo imbarazzati dall’incapacità di amministrare dimostrata anche oggi da questa Giunta, della quale chiederemo le dimissioni”.

Così il capogruppo lombardo del Movimento 5 Stelle Massimo De Rosa commenta l’intervento in Aula del presidente della Regione Attilio Fontana. “Un’ora per non dire nulla. Fontana fugge, ancora una volta, le proprie responsabilità”, spiega De Rosa, parlando di “imbarazzante toppa sulla vicenda” messa da Fontana “che ha mentito ai cittadini e alle istituzioni che rappresenta”.

Per il capogruppo del Pd in Regione Lombardia, Fabio Pizzul, Fontana è “un presidente debole e a fine corsa” e le sue parole pronunciate in Aula sono servite solo “a difendere se stesso senza dare risposte e garanzie ai lombardi”. Sulla mozione di sfiducia annunciata dal M5S dopo il coinvolgimento di Fontana nel caso camici, “dobbiamo valutare: l’obiettivo è quello di far cadere e mandare a casa questa giunta”, ha chiarito Pizzul. “Dobbiamo capire qual è lo strumento più efficace – ha concluso il capogruppo dem -: il rischio di una mozione immediata è che si ricompatti la maggioranza, piuttosto che far cadere Fontana”. Per depositare la mozione servono 16 firme, mentre il M5S ha solo 13 consiglieri in Consiglio regionale.