Referendum. Morra, “il taglio dei parlamentari va accompagnato con altre riforme”

611

AgenPress – “Noi non vogliamo portare avanti un antiparlamentarismo tout court, noi vogliamo lavorare ad una riqualificazione parlamentare. La partitocrazia è una brutta bestia, che rappresenta a mio avviso uno dei difetti principali del Paese. Se vogliamo cambiare dobbiamo cominciare a disintermediare, l’inizio di questo cambiamento potrebbe essere la riduzione del numero dei seggi parlamentari”.

Così il presidente della Commissione parlamentare antimafia Nicola Morra, senatore del M5S,  intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus.

“I contrari al taglio? E’ una questione di mentalità, io penso che il cambiamento sia anche porsi delle domande sull’esistente e ragionare sul fatto che si può migliorare. E poi c’è un blocco di potere innegabile, rappresentato anche da tanti organi d’informazione e questo blocco di potere è sceso prepotentemente in campo. Confusione tra voto referendario e giudizio sul governo? E’ indubbio che tantissimi non votino per convinzione, bensì per opporsi a qualcuno che a loro avviso è l’origine di tutti i mali. Questo è uno dei mali che da tempo affligge la politica italiana. Detto questo il taglio dei parlamentari, va accompagnato con altre riforme. Dobbiamo introdurre la preferenza, una legge proporzionale anche per le regioni e ridurre emolumenti e indennità ai parlamentari e ai consiglieri regionali”.