Coronavirus. Mussolini (Con Giorgia), Rocca/Caramanna (FDI). La ripartenza? Per tutti tranne Consiglio Capitolino

596

AgenPress – «Le scuole sono state riaperte, i mezzi di trasporto viaggiano al completo, la ZTL è stata ripristinata, le principali istituzioni – Senato, Camera e Regione Lazio su tutti – lavorano in presenza. La Raggi, però, rimane a casa. La Sindaca esce, si muove, fa le cose che tutti i cittadini fanno, ma il Campidoglio rimane chiuso, così come vuoti sono i tanti consigli municipali.

Eppure ai dipendenti, già da tempo, è stato imposto il rientro in presenza almeno tre giorni la settimana. Insomma gli unici dispensati da ogni provvedimento di normalizzazione sono i grillini. E’ evidente che dietro questo imbarazzante black-out istituzionale si nasconde la crisi di una maggioranza che, ad oggi, potrebbe non avere i numeri per affrontare questo ultimo scorcio di amministrazione. Il governo capitolino dei grillini è ormai alla canna del gas. Scriverò, ed inviterò anche i consigliere municipali a farlo, al Presidente del Consiglio Capitolino affinché si presti con immediatezza a ripristinare la regolarità dei Consigli e delle Commissione in presenza. Riprendiamo in maniera spedita i lavori da trattare, che sono molti ed arretrati, poi, tra qualche mese, andiamo a liberare Roma da questo imbarazzante Governo della città».

Così Rachele Mussolini, consigliere comunale della lista civica Con Giorgia e Vice Presidente della Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza di Roma Capitale, Federico Rocca, responsabile romano enti locali FDI, e Gianluca Caramanna, consigliere del Municipio I (FDI).