Lockdown Napoli. Luigi Barone (Asi): inaccettabile quanto accaduto ieri sera. Sono vicino alle forze dell’ordine

493

AgenPress. “Si può condividere o meno la proposta del Presidente della Regione Campania, ma arrivare a scatenare una  guerriglia è da delinquenti. Lanciare bombe o aggredire le forze dell’ordine in nome di un ‘no’ alla serrata generale indebolisce la proposta stessa. De Luca ha detto chiaramente che il lockdown è per il bene di tutti, per evitare ulteriori decessi.

La reazione avuta da alcuni soggetti Napoletani è inaccettabile, perchè con la violenza non si ottiene niente, servirebbe ma una seria interlocuzione con il governo regionale e nazionale per un piano socio-economico che indennizzi seriamente e realmente, in tempi rapidissimi, tutte le attività commerciali e artigianali colpite dalla pandemia e dal blocco. Le soluzioni si trovano con la concertazione e con il ragionamento, non con le bombe. Solidarietà alle forze dell’ordine colpite mentre garantivano la sicurezza di noi tutti.”

Lo dichiara Luigi Barone (Presidente del Consorzio Asi di Benevento e consigliere Ficei con delega Sud e Zes).