Nizza. Condanna di Papa Francesco, vicinanza alle famiglie delle vittime

1925

AgenPress –  “Informato del feroce attacco che è stato perpetrato questa mattina in una chiesa di Nizza, provocando la morte di diverse persone innocenti”, papa Francesco “si unisce in preghiera con la sofferenza delle famiglie colpite e condivide il loro dolore”.

Così il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin in un telegramma di cordoglio per le vittime dell’attentato alla Basilica di Notre-Dame, inviato a nome del Papa al vescovo di Nizza, mons. André Marceau. Il Pontefice “chiede al Signore di portare loro il conforto e affida le vittime alla sua misericordia”.

“Condannando nel modo più forte possibile tali violenti atti di terrore”, prosegue il messaggio, Francesco “assicura la sua vicinanza alla Comunità cattolica di Francia e a tutto il popolo francese che chiama all’unità”. “Affidando la Francia alla protezione di Notre-Dame dà con tutto il cuore la Benedizione Apostolica a tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia”.

“È un momento di dolore, in un tempo di confusione. Il terrorismo e la violenza non possono mai essere accettati”, dice il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni.

“L’attacco di oggi ha seminato morte in un luogo di amore e di consolazione, come la casa del Signore.  Il Papa è informato della situazione ed è vicino alla comunità cattolica in lutto”. “Prega per le vittime e per i loro cari, perché la violenza cessi, perché si torni a guardarsi come fratelli e sorelle e non come nemici, perché l’amato popolo francese possa reagire unito al male con il bene”.