Governo. Camera approva fiducia con 321 voti. Polverini vota a favore per il “bene comune”

Il sì alla fiducia è un atto di responsabilità. Lascio Forza Italia

217

AgenPress –  La Camera accorda la fiducia al governo Conte con 321 voti a favore, 259 contrari e 27 astenuti.

Renata Polverini ha votato “la fiducia al Governo di Giuseppe Conte nella certezza di rispettare, in questo modo, l’impegno politico e morale di servire l’interesse del Paese e non quello di una parte politica, pur se non mancano certo aspetti critici nell’azione di governo”.

“Mandare il Paese alle urne mentre gli italiani aspettano dal Parlamento l’indicazione di una strada per uscire dal tunnel della crisi economica e dalla la pandemia sarebbe un gesto irresponsabile”.

“L’area moderata e liberale che Forza Italia ha sempre incarnato e rappresentato, è stata da tempo mortificata ed emarginata inseguendo sondaggi che, nella migliore delle ipotesi, dipingono un Paese spaccato in due che le elezioni non renderebbero più facilmente governabile mentre, al contrario, una crisi di governo renderebbe l’Italia un facile bersaglio della speculazione finanziaria internazionale”.

“Abbiamo il compito di guidare il G20, la possibilità di utilizzare un formidabile piano europeo di rilancio economico che potrebbe farci recuperare non solo il terreno perduto a causa della pandemia ma anche di ridurre il gap del Mezzogiorno e, non ultima, la scadenza del mandato del Presidente della Repubblica da qui a pochi mesi; queste scadenze non sono conciliabili con il ricorso alle urne. L’appello del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al Parlamento, ai moderati, alle forze autenticamente europee e liberali, per collaborare alla rinascita del Paese non può essere ignorato da chi ha a cuore il bene comune”.

“Il sì alla fiducia è un atto di responsabilità”, ha detto ai cronisti, lasciando Montecitorio. E a chi gli chiede se lascia FI risponde: “sì, si può votare in dissenso al proprio gruppo un provvedimento, non certo la fiducia al governo”.