Dati Covid in tempo Reale

All countries
245,381,809
Confermati
Updated on 27 October 2021 08:48
All countries
220,728,056
Ricoverati
Updated on 27 October 2021 08:48
All countries
4,981,157
Morti
Updated on 27 October 2021 08:48

Afghanistan. 220 giudici donne braccate dagli assassini che hanno condannato

- Advertisement -

AgenPress – Sono state le pioniere dei diritti delle donne in Afghanistan. Erano gli strenui difensori della legge, cercando giustizia per i più emarginati del loro paese. Ma ora, più di 220 giudici afgane donne si nascondono per paura di ritorsioni sotto il dominio dei talebani.

Nel corso della sua carriera di giudice, Masooma ha condannato centinaia di uomini per violenza contro le donne, tra cui stupro, omicidio e tortura.

- Advertisement -

Ma pochi giorni dopo che i talebani hanno preso il controllo della sua città e migliaia di criminali condannati sono stati rilasciati dal carcere, sono iniziate le minacce di morte.

Messaggi di testo, note vocali e numeri sconosciuti hanno iniziato a bombardare il suo telefono.

“Era mezzanotte quando abbiamo saputo che i talebani avevano liberato tutti i prigionieri dal carcere”, dice Masooma. “Siamo subito fuggite. Abbiamo lasciato la nostra casa e tutto alle spalle.”

- Advertisement -

Negli ultimi 20 anni, 270 donne sono state giudici in Afghanistan. Essendo alcune delle donne più potenti e importanti del paese, sono note figure pubbliche.

“Viaggiando in macchina fuori dalla città, indossavo un burka, così nessuno mi avrebbe riconosciuto. Fortunatamente, siamo riusciti a superare tutti i posti di blocco talebani”.

Poco dopo la loro partenza, i suoi vicini le hanno scritto un messaggio per dirle che diversi membri dei talebani erano arrivati ​​nella sua vecchia casa.

Masuma dice che non appena hanno descritto gli uomini, ha saputo chi la stava cercando.

Diversi mesi fa, prima dell’acquisizione dei talebani, Masooma stava decidendo su un caso che indagava su un membro del gruppo per aver brutalmente ucciso sua moglie.

Dopo averlo dichiarato colpevole, Masuma ha condannato l’uomo a 20 anni di carcere.

“Riesco ancora a vedere l’immagine di quella giovane donna nella mia mente. È stato un crimine brutale. Dopo che il caso è finito, il criminale si è avvicinato a me e ha detto: ‘Quando uscirò di prigione, ti farò quello che ho fatto a mia moglie.’

“All’epoca non lo presi sul serio. Ma da quando i talebani hanno preso il potere, mi ha chiamato molte volte e ha detto di aver preso tutte le mie informazioni dagli uffici del tribunale.

“Mi ha detto: ‘Ti troverò e mi vendicherò”. È noto che almeno 220 ex giudici donne si nascondono attualmente in tutto l’Afghanistan.

Molte di loro hanno ricevuto minacce di morte da membri dei talebani che in precedenza avevano imprigionato. Quattro uomini specifici nominati che hanno condannato per aver ucciso le loro mogli.

Tutti hanno cambiato numero di telefono almeno una volta per aver ricevuto minacce di morte. Attualmente vivono tutte nascoste.  Tutte hanno anche affermato che le loro ex case erano state visitate da membri dei talebani.

Diversi paesi, tra cui la Nuova Zelanda e il Regno Unito, hanno affermato che offriranno supporto. Ma quando arriverà questo aiuto o quanti giudici includerà è ancora da confermare.

Il giudice Masooma dice che teme che tali promesse di aiuto non arriveranno in tempo.

“A volte penso, qual è il nostro crimine? Essere istruiti? Cercare di aiutare le donne e punire i criminali?

“Amo il mio paese. Ma ora sono un prigioniero. Non abbiamo soldi. Non possiamo uscire di casa.

“Guardo mio figlio piccolo e non so come spiegargli perché non può parlare con altri bambini o giocare in corridoio. È già traumatizzato. Posso solo pregare per il giorno in cui saremo di nuovo liberi”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati