Home Afghanistan Afghanistan. Chiuse Radio Millat Zhagh e Radio Saangi a Kandahar. Arrestati sei...

Afghanistan. Chiuse Radio Millat Zhagh e Radio Saangi a Kandahar. Arrestati sei giornalisti

0
150

AgenPress – Due stazioni radio sono state chiuse e sei giornalisti sono stati arrestati dall’Emirato islamico a Kandahar.

Radio Millat Zhagh e Radio Saangi sono state chiuse con tre dipendenti arrestati della prima e un funzionario della seconda. Due dipendenti sono stati arrestati da altre due stazioni, Radio “Zema” e “Tabasum”.

“Hanno portato via sei dipendenti da quattro stazioni radio e hanno avvertito i dipendenti di altre stazioni radio”, ha detto Javid Ahmad Tanvir, capo del Kandahar Press Club.

I dipendenti di Radio Millat Zhagh hanno affermato di aver interrotto le loro attività da quando la stazione radiofonica è stata chiusa.

“Le forze del dipartimento di intelligence di Kandahar sono venute nel nostro ufficio, hanno interrotto le nostre attività e hanno portato via tre dei nostri dipendenti”, ha detto Bismillah Watandost, capo della stazione radio.

“Sono arrivato in ufficio un’ora fa e ho visto che le porte erano sigillate e avevano portato con sé tre dipendenti”, ha detto Mohammad Nasim Omid, un dipendente della stazione radio.

Nel frattempo, le organizzazioni che supportano i media liberi hanno esortato l’Emirato islamico a risolvere i problemi attraverso discussioni con giornalisti e stazioni radio.

“Esortiamo l’Emirato islamico a comportarsi correttamente con i giornalisti e a risolvere eventuali problemi attraverso il dialogo”, ha affermato Mohammad Yar Majrooh, capo di Afghanistan Free Journalists nel sud.

“Hanno portato via un giornalista di Radio Tabasum e vogliamo che liberino immediatamente il nostro giornalista e altri giornalisti”, ha affermato Sediq Afghan, capo di Radio Tabasum.

“Sono venuti anche nel nostro ufficio e hanno portato via l’ufficiale esecutivo di Radio Zema”, saod Satar Mahtabi, capo di Radio Zema.

Sabato, i funzionari della sicurezza di Kandahar in un incontro con i funzionari dei media locali hanno chiesto loro di non riprodurre musica nelle loro stazioni.