Dati Covid in tempo Reale

All countries
245,391,078
Confermati
Updated on 27 October 2021 09:49
All countries
220,728,902
Ricoverati
Updated on 27 October 2021 09:49
All countries
4,981,291
Morti
Updated on 27 October 2021 09:49

Afghanistan. Talebani ordinano alle donne di non tornare al lavoro. “State a casa”

- Advertisement -

AgenPress – I talebani hanno negato le affermazioni secondo cui le donne afghane sarebbero state bandite dalle scuole secondarie dopo aver invitato i ragazzi, ma non le ragazze, a riprendere l’istruzione, sostenendo che avevano bisogno di istituire un “sistema di trasporto sicuro” per le studentesse prima di consentire riportarli nelle aule.

Il ministero dell’Istruzione dei talebani ha ordinato a studenti e insegnanti maschi dalla sesta alla dodicesima classe di presentarsi nelle loro scuole sabato. L’annuncio, diffuso venerdì, non menzionava affatto le studentesse, seminando il timore che le ragazze sarebbero state nuovamente escluse dall’istruzione secondaria.
Quando è stato l’ultimo al potere tra il 1996 e il 2001, il gruppo militante ha bandito le donne e le ragazze dall’istruzione e dal lavoro e ha severamente limitato i loro diritti.

 

- Advertisement -

Il portavoce dei talebani Zabiullah Mujahid ha detto che alle donne sarà permesso di studiare.
Mujahid aveva detto che i talebani stavano lavorando alla creazione di un sistema di trasporto sicuro per le ragazze tra la sesta e la dodicesima.
“Ci sono alcune regole durante il loro tempo di classe che devono essere rispettate affinché possano essere sani e salvi”.

Aveva sottolineato che le donne avrebbero potuto continuare a studiare in altre fasce di età. “Abbiamo ragazze nelle università che continuano la loro formazione sia in università private che finanziate dal governo, ma dal grado 6 al 12 stiamo attualmente cercando di fornire loro una possibilità di andare avanti, e questo è in corso”.

è stato uno shock, soprattutto perché il gruppo aveva precedentemente permesso alle ragazze di andare alle scuole elementari.

“Speravo di tornare a scuola e avvicinarmi ai miei sogni più grandi, ma ora tutto sembra sfocato”, ha detto Tamana, che non ha voluto rivelare il suo cognome. “Se i talebani non ci permettessero di tornare a scuola, il nostro futuro e le nostre speranze sarebbero annientate per sempre”.
I leader talebani hanno ripetutamente promesso di rispettare i diritti delle donne, insistendo pubblicamente sul fatto che le donne svolgeranno un ruolo di primo piano nella società e avranno accesso all’istruzione.
La realtà sul campo in Afghanistan sembra lontana da quelle promesse. Le donne sono state completamente escluse dal nuovo governo intransigente del paese.
In alcuni casi, i militanti hanno ordinato alle donne di lasciare i loro posti di lavoro , e quando un gruppo di donne ha protestato contro l’annuncio del governo tutto maschile a Kabul la scorsa settimana i combattenti talebani le hanno picchiate con fruste e bastoni.
Mentre alle donne è stato permesso di continuare la loro istruzione universitaria, i talebani hanno imposto la segregazione dei sessi nelle aule e hanno affermato che studentesse, docenti e dipendenti devono indossare l’hijab in conformità con l’interpretazione del gruppo della legge della sharia.
Il capo dell’UNICEF Henrietta Fore ha affermato che l’organizzazione è “profondamente preoccupata” che le ragazze vengano escluse dall’istruzione. “Le ragazze non possono e non devono essere lasciate indietro. È fondamentale che tutte le ragazze, comprese le ragazze più grandi, possano riprendere gli studi senza ulteriori ritardi. Per questo, abbiamo bisogno che le insegnanti donne riprendano l’insegnamento”.
- Advertisement -

 

 

 

 

 

Le dipendenti pubbliche oggi non sono potute andare a lavoro a Kabul, in quella che appare come l’ennesima discriminazione di genere dei talebani. Il nuovo sindaco della capitale afghana ha chiesto alle donne di rimanere a casa. I talebani “hanno ritenuto necessario impedire alle donne di lavorare per un po’”, ha spiegato Hamdullah Nomany. “Per le posizioni che gli uomini possono ricoprire, abbiamo detto alle donne di rimanere a casa fino a quando la situazione non sarà normalizzata. I loro stipendi saranno pagati”, ha spiegato. A Kabul un terzo dei 3mila impiegati comunali sono donne.

Il sindaco ad interim di Kabul, nella sua prima conferenza stampa da quando è stato nominato dai talebani, ha spiegato che prima del nuovo regime poco meno di un terzo dei quasi 3.000 dipendenti comunali erano donne e lavoravano in tutti i dipartimenti. Namony ha detto che alle dipendenti è stato ordinato di rimanere a casa in attesa di un’ulteriore decisione. Ha spiegato che sono state fatte eccezioni per le donne che non possono essere sostituite dagli uomini, comprese alcune impiegate nei dipartimenti di progettazione e ingegneria e le inservienti dei bagni pubblici per le donne. Il sindaco non ha specificato quante dipendenti donne sono state costrette a rimanere a casa. Sempre oggi ci sono state piccole proteste fuori dal ministero degli affari femminili, sostituito dai talebani con un ministero “per il rispetto della virtù”, mentre un altro gruppo di donne ha tenuto una conferenza stampa per rivendicare i propri diritti. Ieri hanno riaperto le scuole secondarie, anche in questo caso solo per studenti ed insegnanti maschi.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati