Dati Covid in tempo Reale

All countries
156,719,257
Confermati
Updated on 7 May 2021 06:20
All countries
134,931,607
Ricoverati
Updated on 7 May 2021 06:20
All countries
3,270,225
Morti
Updated on 7 May 2021 06:20
spot_img

Arabia Saudita. Trovate ossa di cani domestici ed umane risalenti a 6mila anni fa

AgenPress – Gli archeologi nella provincia di Al Ula dell’Arabia Saudita hanno portato alla luce tombe risalenti a 6.000 anni fa e le prime prove della convivenza umana e canina nella penisola arabica.

Al Ula, a 1.100 chilometri da Riyadh, è la sede dell’antica città di Hegra, il primo sito patrimonio mondiale dell’Unesco dell’Arabia Saudita e la principale città meridionale del Regno dei Nabatei nel primo secolo che costruì anche il sito Unesco di Petra in Giordania.

Un team di archeologi ha lavorato per trovare le reliquie lasciate in due antichi siti nelle vicinanze.

I ricercatori hanno scoperto una tomba contenente resti di cani sepolti in un cimitero ritenuto uno dei più antichi siti di sepoltura in Arabia Saudita, risalente al 4.300 a.C. circa .

Il ritrovamento è la prova più antica finora scoperta che i cani coesistevano con gli antichi abitanti della regione della penisola arabica.

“La nostra scoperta sta creando un cambiamento di paradigma nel modo in cui vediamo periodi come l’era neolitica in Medio Oriente”, ha detto Melissa Kennedy, assistente direttrice del Servizio archeologico aereo di Al Ula.

L’agenzia di stampa saudita gestita dallo stato ha affermato che le prove suggeriscono che il luogo di sepoltura è stato utilizzato per circa 600 anni dal 4.300 a.C.

La Commissione reale per Al Ula ha affermato che il team responsabile dell’ultima scoperta è composto da ricercatori sauditi, australiani ed europei che hanno concentrato i loro sforzi su due siti di sepoltura fuori terra risalenti al quarto e quinto millennio a.C.

“Al Ula è a un punto in cui inizieremo a renderci conto di quanto sia stato importante per lo sviluppo dell’umanità in tutto il Medio Oriente”, ha affermato Hugh Thomas, direttore di Aerial Archaeology nel Regno dell’Arabia Saudita.

I due siti distano circa 130 chilometri l’uno dall’altro e uno si trova sulle alture vulcaniche di Al Ula mentre l’altro si trova sulle pianure aspre e aride di Al Ula.

Durante gli scavi, il team ha scoperto 26 ossa di cani e 11 ossa umane di sei adulti, un adolescente e quattro bambini nel primo sito sugli altopiani vulcanici di Al Ula. Dopo aver esaminato le ossa, il team ha notato segni di artrite.

Laura Stroulin, l’archeologa degli animali del team, è stata in grado di dimostrare che le ossa di animali trovate provenivano da un cane analizzando un osso in particolare, dalla zampa anteriore sinistra.

La larghezza dell’osso era di 21 mm, simile ad altre misurazioni trovate su altri antichi canini mediorientali.

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati