Canada. Papa Francesco chiederà scusa degli abusi sugli indigeni nelle scuole residenziali cattoliche

- Advertisement -

AgenPress – Migliaia di indigeni aspettano Papa Francesco  nella piccola comunità della prateria dell’Alberta di Maskwacis per ascoltare le tanto attese scuse  per generazioni di abusi e repressione culturale nelle scuole residenziali cattoliche in tutto il Canada.

Francis dovrebbe arrivare a metà mattinata nel sito dell’ex scuola residenziale indiana Ermineskin, ora in gran parte demolita. Si fermerà nei siti dell’ex scuola e del vicino cimitero prima di parlare in un’ampia area aperta ai sopravvissuti della scuola, ai loro parenti e ad altri sostenitori.

- Advertisement -

Francesco è arrivato domenica a Edmonton , dove è stato accolto dai rappresentanti dei tre principali gruppi indigeni del Canada – First Nations, Metis e Inuit – insieme a dignitari politici e della chiesa. Il papa ha trascorso il resto della giornata riposando in un seminario nel capoluogo di provincia.

Il governo canadese ha ammesso che gli abusi fisici e sessuali erano dilaganti nelle scuole cristiane finanziate dallo stato che hanno operato dal XIX secolo agli anni ’70. Circa 150.000 bambini indigeni sono stati sottratti alle loro famiglie e costretti a frequentarli nel tentativo di isolarli dall’influenza delle loro case, delle lingue e delle culture native e assimilarli nella società cristiana canadese.

Il viaggio di sei giorni di Francesco – che includerà anche altri siti in Alberta, Quebec City e Iqaluit, Nunavut, nell’estremo nord – segue gli incontri che ha tenuto in primavera in Vaticano con delegazioni delle Prime Nazioni, Metis e Inuit. Quegli incontri sono culminati con le storiche scuse del primo aprile per i “deplorevoli” abusi commessi da alcuni missionari cattolici nelle scuole residenziali.

- Advertisement -

Migliaia di bambini sono morti per malattie, incendi e altre cause. La scoperta di centinaia di potenziali siti di sepoltura nelle ex scuole nell’ultimo anno ha attirato l’attenzione internazionale sull’eredità delle scuole in Canada e delle loro controparti negli Stati Uniti.

Gli organizzatori dell’evento hanno detto che avrebbero fatto tutto il possibile per assicurarsi che i sopravvissuti potessero partecipare all’evento. Molti viaggeranno dai parcheggi e gli organizzatori riconoscono che molti sopravvissuti sono anziani e avranno bisogno di veicoli accessibili, snack adatti ai diabetici e altri servizi.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati