Dati Covid in tempo Reale

All countries
367,009,330
Confermati
Updated on 28 January 2022 07:56
All countries
288,166,101
Ricoverati
Updated on 28 January 2022 07:56
All countries
5,657,166
Morti
Updated on 28 January 2022 07:56

Cina. Foto di Christian Dior fa arrabbiare il Partito Comunista, “diffama le donne asiatiche”. Immediate le scuse

- Advertisement -

AgenPressChristian Dior è l’ultimo marchio di moda internazionale a far arrabbiare il Partito Comunista Cinese, dopo che una mostra a Shanghai ha mostrato una foto che secondo i media statali “diffamava le donne asiatiche”.

La fotografia, inclusa nella sfilata Lady Dior, ritrae una donna asiatica vestita con un costume tradizionale e con in mano una borsa Dior.

- Advertisement -

L’immagine mostrava una modella abbronzata e lentigginosa di origine asiatica che indossava abiti tradizionali cinesi mentre teneva in mano una borsa Lady Dior nera. È stato criticato per aver perpetuato gli stereotipi occidentali dei volti dell’Asia orientale e non aver rappresentato gli standard di bellezza nella regione, che in genere favoriscono la pelle più chiara e gli occhi grandi. 

La foto è stata rimossa dall’esposizione di una mostra di moda Dior a Shanghai sulla scia della controversia. 

Chen Man ha riconosciuto le critiche alla foto e alcuni dei suoi lavori precedenti.

- Advertisement -

“Ho riflettuto profondamente e mi sono incolpato della mia ingenuità e ignoranza in quel momento. Penso che devo ancora scusarmi formalmente con tutti “, ha detto Chen mentre si rivolgeva ai suoi follower sui social media all’inizio di questa settimana. 

“Sono cinese, nata e cresciuta, e amo profondamente il nostro Paese”, ha aggiunto nel post, che ha suscitato le reazioni di migliaia di utenti. “

“So che come artista, mi assumo la responsabilità di documentare e mostrare la cultura cinese attraverso il mio lavoro. Studierò più storia e parteciperò a eventi più rilevanti per rafforzare le mie ideologie”. 

I post sui social media di Dior, giornali e il fotografo hanno tutti suscitato reazioni rabbiose da parte del pubblico, anche se non si è parlato di un boicottaggio. Dior non ha avuto un commento immediato.

“Il fotografo sta giocando con i marchi o i gusti estetici del mondo occidentale”, afferma il rapporto. “Per anni, le donne asiatiche sono sempre apparse con occhi piccoli e lentiggini dal punto di vista occidentale, ma il modo cinese di apprezzare l’arte e la bellezza non può essere distorto da questo”.

La Cina offre un enorme mercato per i marchi di lusso e potrebbe essere destinata a diventare il più grande mercato del lusso al mondo entro il 2025, secondo alcune stime . Ma, sebbene redditizio, offre anche sfide per le aziende occidentali.

Dior ha sottolineato che la fotografia di Chen faceva parte di un progetto artistico per l’azienda e “non una pubblicità commerciale Dior”.

“Dior rispetta sempre i sentimenti del popolo cinese rispettando rigorosamente la legge e la regolamentazione cinesi”, ha affermato mercoledì il marchio francese in una dichiarazione sul suo account sui social media cinesi. “Se si verificano errori, riceveremo il feedback e agiremo immediatamente per correggerlo”, ha affermato. “Dior è incrollabilmente fedele ai consumatori e alla società cinesi”.  

Non è la prima volta che Dior fa arrabbiare la Cina per sensibilità politiche. Nel 2019 ha tenuto una presentazione in un’università che includeva una mappa del paese. Escludeva Taiwan.

In passato Dolce & Gabbana ha subito critiche simili tre anni fa dopo aver pubblicato video in cui una modella cinese tentava goffamente di mangiare cannoli e altri cibi italiani con le bacchette.

Considerati ampiamente offensivi, gli annunci hanno incitato un contraccolpo dei consumatori e un forte calo delle vendite anche dopo che i suoi fondatori si sono scusati. 

I consumatori non sono ancora in grado di trovare Dolce & Gabbana sulle principali piattaforme di e-commerce cinesi come Tmall. Beijing News, in un commento pubblicato a ottobre, ha affermato che non sarà facile riconquistare quote di mercato senza rispettare i consumatori cinesi.

C’è un crescente nazionalismo tra i consumatori nella più grande economia al dettaglio del mondo, in mezzo alle crescenti tensioni geopolitiche con l’Occidente.

Un contraccolpo sui social media ha colpito Hennes & Mauritz questa primavera, con le entrate in Cina che sono diminuite di almeno il 40% nel trimestre più recente dopo aver espresso preoccupazione per il lavoro forzato nello Xinjiang.

Nike ha anche subito pressioni per percorrere una linea sottile in Cina, il suo mercato in più rapida crescita, in mezzo a una polemica sulle sue pratiche commerciali lì.

 

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati