Civitanova Marche. Nigeriano ucciso in strada da un italiano. I passanti fanno foto e video ma non lo salvano

- Advertisement -

AgenPress –  Un uomo di 39 anni è stato aggredito e ucciso a bastonate, a colpi di stampella, dopo una lite per futili motivi.  L’omicidio nel centro di Civitanova Marche, lungo corso Umberto I.

La vittima si chiamava Alika Ogorchukwu: residente a San Severino Marche, nell’entroterra maceratese, era solito spostarsi a Civitanova, sulla costa, dove faceva l’ambulante e chiedeva l’elemosina.

- Advertisement -

In molti erano presenti sul posto alle 14:30 di ieri pomeriggio sul luogo del delitto e hanno assistito all’omicidio, ma nessuno è intervenuto per separare la vittima dal presunto omicida. La colluttazione tra Ogorchukwu e Filippo Claudio Giuseppe Ferlazzo è stata però ripresa con lo smartphone di uno dei testimoni, che ha subito consegnato il materiale alla squadra mobile per ricostruire la dinamica dell’omicidio.

Nel video si vede Ferlazzo salire sopra Ogorchukwu e stringerlo al collo, mentre diverse persone guardano attonite la scena. Si sentono alcuni dei testimoni urlare frasi come “così lo ammazzi” e “chiamo le guardie”, ma nessuno è intervenuto per fermare la colluttazione.

- Advertisement -

L’aggressore, allontanatosi dopo il delitto, è stato individuato nel giro di poche ore e portato dai poliziotti in commissariato. Si tratta di un 32enne originario di Salerno e residente a Civitanova.

Da quanto emerso sembra che la lite tra i due sia nata da un apprezzamento rivolto dal 39enne alla donna che era in compagnia del 32enne. Una parola di troppo che avrebbe fatto scatenare la violenza dell’italiano.

L’uomo avrebbe strappato la stampella al nigeriano e avrebbe iniziato a colpirlo più volte in testa, provocandone la morte, sotto lo sguardo di numerose persone.

Gli agenti della Squadra mobile di Macerata stanno sentendo in queste ore numerosi testimoni e stanno acquisendo le immagini delle varie telecamere di sorveglianza della zona al fine di ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto. Ci sarebbero anche diversi video girati con i telefonini dai passanti.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati