Dati Covid in tempo Reale

All countries
265,800,065
Confermati
Updated on 5 December 2021 10:13
All countries
237,752,054
Ricoverati
Updated on 5 December 2021 10:13
All countries
5,266,119
Morti
Updated on 5 December 2021 10:13

Coronavirus. Giappone. Aiuti finanziari alle prostitute. Un mercato che genera 24 mld $ l’anno

- Advertisement -
Agenpress – Le prostitute in tutto il Giappone sono state duramente colpite da chiusure e restrizioni dovute alla pandemia. L’intero paese è in uno stato di emergenza, con molte imprese ordinate di chiudere e la gente ha consigliato di non uscire.
Attualmente ci sono almeno 10.797 casi a livello nazionale e 236 morti, secondo la Johns Hopkins University.
Per attenuare il colpo economico, il governo centrale ha lanciato un imponente pacchetto di stimoli per un valore di 108 trilioni di yen giapponesi (circa 989 miliardi di dollari). Dopo alcune polemiche, le prostitute hanno diritto a chiedere aiuto, a determinate condizioni: una mossa che alcuni attivisti hanno salutato come un segno di progresso per un settore che ha sofferto a lungo lo stigma sociale.
Ma per molte prostitute il pacchetto offre poche rassicurazioni e le sue regole di ammissibilità sembrano opache e restrittive. Alcuni non sono sicuri su come richiedere i benefici senza uscire efficacemente da soli.
La prostituzione, o lo scambio di rapporti sessuali con denaro, è criminalizzata in Giappone – ma altri tipi di rapporti sessuali sono legali. L’industria del sesso in Giappone genera circa 24 miliardi di dollari all’anno, secondo Havocscope , un’organizzazione di ricerca sul mercato nero globale.
Secondo le linee guida redatte dal Governo,  le agenzie di lavoro sessuale e i datori di lavoro potrebbero ricevere sussidi per coloro che devono rimanere a casa per prendersi cura dei bambini durante la chiusura delle scuole.
Le prostitute potrebbero anche richiedere un dispensa in contanti, disponibile per le persone che hanno perso il reddito a causa del coronavirus.
Tuttavia, la questione continua a polarizzare l’opinione pubblica in Giappone, dove gli atteggiamenti nei confronti del sesso e del lavoro sessuale tendono ad appoggiarsi socialmente conservatori, con alcuni personaggi pubblici – tra cui noti animatori televisivi – che protestano contro l’uso del denaro dei contribuenti per sostenere le prostitute.
Il piano aiuti prevede che i richiedenti mostrino la prova del loro stipendio e delle loro entrate perse – una sfida significativa per le prostitute, che sono spesso pagate in nero e le cui retribuzioni possono variare.
Molti lavoratori del sesso non riportano la propria occupazione o pieno reddito sulla dichiarazione dei redditi a causa della natura del proprio lavoro e della paura di ripercussioni. Anche se il loro lavoro sessuale rientra nei limiti legali, un pervasivo senso di vergogna e stigmatizzazione significa che molti sono riluttanti a identificarsi come prostitute nei registri. 
E questa mancanza di documentazione potrebbe impedire loro di ricevere aiuti finanziari. L’alternativa sarebbe ammettere l’omissione di informazioni sulle loro tasse, il che potrebbe portare a una serie di conseguenze.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati