Dati Covid in tempo Reale

All countries
158,910,063
Confermati
Updated on 9 May 2021 22:25
All countries
137,294,140
Ricoverati
Updated on 9 May 2021 22:25
All countries
3,305,131
Morti
Updated on 9 May 2021 22:25
spot_img

Corruzione. Ai domiciliari il Procuratore di Taranto, voleva “condizionare” pm Trani

Agenpress –  Nicola Maria Capristo, Procuratore della Repubblica di Taranto, è stato posto agli arresti domiciliari con l’accusa di corruzione in atti giudiziari. Cercò di indurre il pm di Trani, Silvia Curione, a perseguire ingiustamente una persona per usura facendo temere al magistrato ritorsioni sul marito, il pm Lanfranco Marazia, suo sostituto alla Procura jonica. E’ quanto emerge dalle indagini che stamani hanno portato Capristo agli arresti domiciliari.

Il magistrato, però, non solo si oppose fermamente, ma denunciò tutto. Per la denuncia – ha stabilito – l’inchiesta – non vi erano presupposti né di fatto né di diritto. Capristo e Scivittaro, inoltre, sono “gravemente indiziati di truffa ai danni dello Stato e falso”: l’ispettore risultava presente in ufficio e percepiva gli straordinari, ma in realtà stava a casa e svolgeva “incombenze” per conto del Procuratore. Stamani sono state eseguite perquisizioni a carico di altre persone e anche di un altro magistrato, che è indagato per abuso d’ufficio e favoreggiamento personale.

Lo stesso provvedimento è stato eseguito a carico di un ispettore della Polizia in servizio nella Procura tarantina e di tre imprenditori della provincia di Bari. L’inchiesta, cominciata un anno fa, è portata avanti dalla Procura della Repubblica di Potenza.

Oltre a Capristo, sono agli arresti domiciliari l’ispettore Michele Scivittaro, in servizio presso la Procura di Taranto, e gli imprenditori pugliesi Giuseppe, Cosimo e Gaetano Mancazzo.

 

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati