Decreto liquidità. “Chi è segnalato come cattivo pagatore non potrà accedere al finanziamento da 25mila Euro”

- Advertisement -

Agenpress –  “I miliardi messi a disposizione dallo Stato dovrebbero essere tanti, ma già per il famoso finanziamento da 25mila euro che dovrebbe essere dato a tutti, c’è un primo ostacolo. Il problema è che le persone o le aziende che sono state segnalate alla centrale rischi perché magari hanno pagato le rate di un finanziamento in ritardo e la banca li ha segnalati come cattivi pagatori, dalle notizie che ho io non potrebbero accedere a questo finanziamento e questo non è giusto perché sono queste le persone più bisognose”.

Così Mario Bortoletto, imprenditore e consulente sull’usura bancaria, intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus. 

- Advertisement -

“E’ inutile che andiamo ad aiutare le grandi aziende con miliardi di fatturato. Mi auguro che il governo prenda in mano questa situazione e possa modificarla. Il tempo è nemico, bisogna agire in fretta, quindi le istruttorie delle banche che sono molto rigide dovrebbero allentare la morsa ed essere più flessibili. Come al solito purtroppo la vedo lunga a causa della burocrazia. 6 anni per restituire il prestito? Può essere un tempo accettabile, considerando che non siamo in Germania. In Germania il governo eroga 9mila euro al mese per 3 mesi a lavoratori autonomi o che abbiano massimo 5 dipendenti. Per chi invece ha un’azienda fino a 10 dipendenti dà 15mila euro per 3 mesi, alle imprese più grandi fino a 30mila euro, tutti soldi a fondo perduto”.

Sulla situazione degli imprenditori. “Ricevo giornalmente telefonate di medio-piccoli che sono in grande difficoltà. I fornitori stranieri vogliono essere pagati e se non paghi ti mettono nella lista nera e tu non hai più la materia prima. Poi, una volta riaperte le attività, prima che si possa riprendere lo stesso ritmo di prima ci vorranno 6-7 mesi, nel frattempo però le scadenze fiscali ci sono e andrebbero posticipate ulteriormente. C’è anche il problema della sospensione dei mutui per la prima casa e per ristrutturazione. I media ne parlano molto, ma io ricevo centinaia di segnalazioni di gente che chiede in banca e la banca risponde che non ci sono ancora le idee chiare, non c’è una procedura ben chiarita e quindi nel frattempo non si possono sospendere le rate dei mutui. Se la banca non risponde o stancheggia la gente, è bene scrivere a [email protected] e segnalare la banca che prova a fare la furba”.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati