Elezioni. Tajani: “serve una squadra, non un uomo o una donna sola al comando. Si rischia di oscurare i programmi”

- Advertisement -

AgenPress – “L’importante è avere un programma. Qui bisogna vincere, se troviamo un candidato premier, ma poi non vinciamo, resta solo un candidato. Delle regole si troveranno. Insistere su questo dibattito comporta un rischio”.

Così in una intervista a La Stampa, il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, sottolineando che non è il momento di parlare di premier perché “si rischia di oscurare i programmi e fare il gioco della sinistra che ci vuole divisi” e ribadisce che “più che la leadership l’importante è avere una classe dirigente seria con esperienza in grado di governare il Paese. Serve una squadra, non un uomo o una donna sola al comando”.

- Advertisement -

Sul candidato unico premier, sottolinea Tajani, “decideranno i leader. Il tema non mi appassiona, la legge elettorale non lo impone e nelle altre elezioni non c’era un candidato unico. Ogni partito ha il suo”.

Sul fatto che il Ppe lo vorrebbe premier dice: “Di questo non so niente. Non mi sono candidato a niente. Sono un militante che ha avuto tanto dalla vita. Io ho rinunciato alla buonuscita di mezzo milione di euro da commissario europeo, un lavoro ce l’avevo, cerco di essere coerente”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati