Dati Covid in tempo Reale

All countries
348,893,240
Confermati
Updated on 22 January 2022 20:46
All countries
275,503,275
Ricoverati
Updated on 22 January 2022 20:46
All countries
5,608,022
Morti
Updated on 22 January 2022 20:46

Frontex. Arrivi Mediterraneo centrale +83% in 2021. 200 mila attraversamenti illegali, numero più alto dal 2017

- Advertisement -

AgenPress – Secondo i dati preliminari raccolti da Frontex, il numero totale di attraversamenti illegali delle frontiere nel 2021 è stato di poco inferiore a 200.000, il numero più alto dal 2017.

Si tratta di un aumento del 36% rispetto al 2019 e del 57% rispetto al 2020 quando abbiamo potuto osservare un forte impatto delle restrizioni COVID-19. Ciò suggerisce che fattori diversi dalla revoca delle restrizioni alla mobilità globale siano la causa dell’aumento della pressione migratoria.

- Advertisement -

Uno di questi fattori che ha definito il 2021 è stata senza dubbio la situazione ai confini con la Bielorussia, rendendolo un altro anno in cui la migrazione è stata utilizzata in un’operazione ibrida mirata al confine esterno dell’UE.

Nel 2021, i siriani sono rimasti la nazionalità più segnalata delle persone rilevate quando attraversano il confine senza permesso, seguiti da tunisini, marocchini, algerini e afgani.

Così come nel 2020, le donne hanno continuato a rappresentare meno di un arrivo su dieci nel 2021, con un calo significativo della loro quota rispetto al 2019. Per quanto riguarda gli altri gruppi di persone vulnerabili, la quota segnalata di minori è rimasta sostanzialmente invariata, così come quella di minori non accompagnati.

- Advertisement -

La rotta del Mediterraneo centrale è stata ancora una volta la rotta migratoria più utilizzata verso l’Europa nel 2021, rappresentando un terzo di tutti gli attraversamenti illegali delle frontiere segnalati.

Con un aumento anno su anno dei rilevamenti dell’83%, che riflette più arrivi dalle coste libiche, tunisine e turche, la rotta ha infatti assunto un ruolo ancora più importante tra le rotte migratorie.  

Sebbene i migranti tunisini siano stati rilevati più frequentemente in questa regione, il 2021 ha visto soprattutto il ritorno di un numero maggiore di migranti egiziani (un aumento di sette volte rispetto al 2020). Insieme ai migranti del Bangladesh, gli egiziani erano tra le nazionalità chiave nel Mediterraneo centrale.

 

Sulla rotta del Mediterraneo occidentale , nel 2021 sono stati segnalati circa 18.000 arrivi, una situazione stabile rispetto allo stesso periodo del 2020. La maggior parte dei migranti era di nazionalità algerina, seguita da marocchini.

Anche la rotta dell’Africa occidentale ha registrato un numero di rilevamenti simile a quello del 2020 con circa 22.500 rilevamenti, con il consueto picco stagionale che si è verificato a settembre. Le principali nazionalità registrate sono state ancora una volta marocchine, seguite da varie nazioni dell’Africa occidentale.

Circa uno su dieci di tutti gli attraversamenti irregolari rilevati nel 2021 si è verificato sulla rotta del Mediterraneo orientale , dove il numero era più o meno alla pari con lo stesso periodo del 2020.

Tuttavia, mentre i rilevamenti continuano a diminuire in Grecia, Cipro ha registrato un aumento significativo del flusso migratorio rispetto agli anni precedenti. I rilevamenti a Cipro (circa 10 400 in totale nel 2021, più del doppio (123%) nello stesso periodo del 2020) sono notevolmente aumentati nell’ultimo trimestre del 2021 a causa di una quota maggiore di africani tra i migranti rilevati.

La rotta dei Balcani occidentali ha registrato un ulteriore aumento del 124% dei rilevamenti segnalati di attraversamenti illegali delle frontiere nel 2021 rispetto al 2020. La rotta ha segnato una tendenza all’aumento fino a settembre e una leggera diminuzione nei mesi successivi. La maggior parte dei valichi di frontiera illegali rilevati può essere fatta risalire a persone che si trovano nella regione da tempo e che tentano ripetutamente di raggiungere il paese di destinazione nell’UE.

Alle frontiere terrestri orientali sono stati rilevati circa 8 000 attraversamenti illegali di frontiera per l’anno 2021, un aumento di oltre dieci volte rispetto al 2020. Ciò illustra un’intensa pressione con continui tentativi di attraversamento delle frontiere, che sono stati rilevati nel contesto della dichiarazione stato di emergenza in tutti e tre gli Stati membri dell’UE confinanti con la Bielorussia. Le cifre hanno raggiunto il picco nella seconda metà dell’anno quando la pressione migratoria si è concentrata prima sul confine lituano e successivamente si è spostata sui confini polacchi e lettoni.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati