Dati Covid in tempo Reale

All countries
246,117,929
Confermati
Updated on 28 October 2021 20:51
All countries
221,279,131
Ricoverati
Updated on 28 October 2021 20:51
All countries
4,993,249
Morti
Updated on 28 October 2021 20:51

Iraq. Incontro tra il Papa e il Grand Ayatollah al-Sistani. Collaborazione e amicizia fra le comunità religiose

- Advertisement -

AgenPress – Papa Francesco ha incontrato la massima autorità religiosa degli sciiti, il Grande Ayatollah Al-Sistani. L’incontro, 45 minuti, di carattere privato, si è tenuto nella casa del leader religioso, nella città santa di Najaf, al Sud dell’Iraq. Il Papa è stato accolto all’ingresso della Residenza del Grand Ayatollah dal figlio Mohammed Rida che lo ha accompagnato nella sala dove ha luogo il colloquio privato.

Sono stati affrontati temi importanti per i destini dei popoli, come la povertà, le ingiustizie, l’oppressione delle libertà fondamentali ribadendo la volontà di collaborare insieme come leader religiosi “al bene dell’Iraq, della regione e dell’intera umanità”.

- Advertisement -

I due leader hanno parlato infatti di diritti umani e della mancanza di giustizia sociale di cui soffrono diversi paesi, facendo anche riferimento alla situazione di sofferenza vissuta dal popolo palestinese nei territori occupati.

Secondo fonti irachene l’anziano Al-Sistani, 91 anni, si sarebbe anche alzato in piedi per accogliere il Pontefice. Un gesto importante in questo mondo dove ogni dettaglio ha il suo valore. Un divano semplice, pareti bianche, è una residenza modesta quella del Grand Ayatollah che in questi anni ha fatto sentire la sua voce contro chi attaccava le minoranze religiose, e tra queste i cristiani. E Papa Francesco oggi lo ha ringraziato per questo. Durante la visita, durata circa quarantacinque minuti, il Papa ha sottolineato “l’importanza della collaborazione e dell’amicizia fra le comunità religiose perché, coltivando il rispetto reciproco e il dialogo, si possa contribuire al bene dell’Iraq, della regione e dell’intera umanità”, ha riferito il portavoce vaticano Matteo Bruni.

L’Ayatollah al-Sistani è  l’Ayatollah più importante, venerato e seguito nel mondo sciita. Oggi novantenne, è diventato il successore dell’Ayatollah al-Khoei nel 1992. Attraverso il suo insegnamento e la sua giurisprudenza ha seguito tutti gli sconvolgimenti politici, le rivoluzioni, le guerre e le ricostruzioni che si sono succedute nella storia di questo Paese.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati