Dati Covid in tempo Reale

All countries
244,458,031
Confermati
Updated on 25 October 2021 07:41
All countries
219,762,321
Ricoverati
Updated on 25 October 2021 07:41
All countries
4,964,302
Morti
Updated on 25 October 2021 07:41

L’Angelus di Papa Francesco dal balcone del Gemelli. “Grazie per il vostro sostegno”

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress –   “Cari fratelli e sorelle, buongiorno! Sono contento di poter mantenere l’appuntamento domenicale dell’Angelus, anche qui dal Policlinico ‘Gemelli’. Vi ringrazio tutti: ho sentito molto la vostra vicinanza e il sostegno delle vostre preghiere. Grazie di cuore!”. Sono le prime parole pronunciate da Papa Francesco nell’Angelus che sta recitando dal Policlinico Gemelli di Roma dove è ricoverato.

“Qui ci sono alcuni amici bambini malati, perché soffrono i bambini? Perché soffrono i bambini è una domanda che tocca il cuore: accompagnarli con la preghiera e pregare per tutti i malati, specialmente per quelli in condizioni più difficili: nessuno sia lasciato solo, ognuno possa ricevere l’unzione dell’ascolto, della vicinanza, della tenerezza, e della cura”, ha aggiunto Papa Francesco.

“Tutti abbiamo bisogno prima o poi di questa unzione, e tutti possiamo donarla a qualcun altro, con una visita, una telefonata, una mano tesa a chi ha bisogno di aiuto”.

“In questi giorni di ricovero in ospedale, ho sperimentato quanto sia importante un buon servizio sanitario, accessibile a tutti, come c’è in Italia e in altri Paesi. Un sistema sanitario che assicuri un buon servizio accessibile a tutti. Non bisogna perdere questo bene prezioso. Bisogna mantenerlo! E per questo occorre impegnarsi tutti, perché serve a tutti e chiede il contributo di tutti”. “Anche nella Chiesa succede a v che qualche istituzione sanitaria per una non buona gestione non va bene economicamente e il primo pensiero che ci viene è venderla”, ha aggiunto a braccio: “Ma la tua vocazione è in chiesa, non è a fare quattrini, è il servizio”.

“Voglio dire il mio apprezzamento e il mio incoraggiamento ai medici e a tutti gli operatori sanitari e al personale degli ospedali”, l’omaggio del  Santo Padre: “Lavorano tanto”.

“E preghiamo per tutti i malati, specialmente per quelli in condizioni più difficili: nessuno sia lasciato solo, ognuno possa ricevere l’unzione dell’ascolto, della vicinanza e della cura”.

Il Papa torna a sottolineare l’importanza di un “buon” servizio sanitario “accessibile a tutti”. “In questi giorni di ricovero in ospedale, ho sperimentato quanto sia importante un buon servizio sanitario, accessibile a tutti, come c’è in Italia e in altri Paesi. Un servizio sanitario gratuito che assicuri un buon servizio accessibile a tutti. Non bisogna perdere questo bene prezioso. Bisogna mantenerlo! E per questo occorre impegnarsi tutti, perché serve a tutti e chiede il contributo di tutti”.

Altre News

Articoli Correlati