Dati Covid in tempo Reale

All countries
178,933,175
Confermati
Updated on 19 June 2021 23:19
All countries
161,740,193
Ricoverati
Updated on 19 June 2021 23:19
All countries
3,874,518
Morti
Updated on 19 June 2021 23:19

Migranti. Viminale. 31.214 persone arrivati sulle nostre coste. Oltre 4mila a novembre

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Sono finora 31.214 le persone migranti sbarcate sulle coste italiane da inizio anno. Nello stesso periodo, lo scorso anno furono 9.944 mentre nel 2018 furono 22.518. Il dato è stato diffuso dal ministero degli Interni, considerati gli sbarchi rilevati entro le 8 di questa mattina.
Negli ultimi tre giorni sono state 645 le persone registrate in arrivo sulle nostre coste (206 martedì, 200 mercoledì e 239 ieri) che hanno fatto salire a 4.011 il totale delle persone arrivate via mare nel nostro Paese da inizio mese. L’anno scorso, in tutto novembre, furono 1.232, mentre nel 2018 furono 980.

Degli oltre 31.200 migranti sbarcati in Italia nel 2020, 12.430 sono di nazionalità tunisina (40%), sulla base di quanto dichiarato al momento dello sbarco; gli altri provengono da Bangladesh (3.712, 12%), Costa d’Avorio (1.401, 5%), Algeria (1.376, 4%), Pakistan (1.345, 4%), Egitto (1.062, 3%), Sudan (979, 3%), Marocco (957, 3%), Afghanistan (794, 3%), Somalia (772, 3%) a cui si aggiungono 6.386 persone (20%) provenienti da altri Stati o per le quali è ancora in corso la procedura di identificazione.

Due barconi con a bordo complessivamente 168 persone sono stati soccorsi da una motovedetta della Guardia Costiera a sud di Lampedusa: i migranti sono stati già tutti trasferiti a bordo e portati sull’isola. E verso Lampedusa si stanno dirigendo in maniera autonoma altri 5-6 barchini, che sono stati monitorati da Guardia Costiera e Guardia di Finanza.

Un’imbarcazione con a bordo 70 migranti è segnalata stamane a sud di Lampedusa da Alarm Phone, secondo la quale un natante non identificato ha rifiutato di prestare loro soccorso. “Le autorità italiane sono informate, non ritardate i soccorsi!”, è l’appello lanciato dall’organizzazione via Twitter.

Altre News

Articoli Correlati