Omicidio Ilenia Fabbri. La figlia, dopo la lettera del padre, lo vuole vedere in carcere

- Advertisement -

AgenPress –  Dopo la lettera ricevuta dal padre, il 54enne Claudio Nanni, che si trova in carcere quale presunto mandante dell’omicidio della madre, la 46enne Ilenia Fabbri di Faenza (Ravenna), la figlia Arianna ha contattato un legale (l’avvocato Veronica Valeriani) per avviare l’iter di richiesta colloquio in cella.

Nella lettera si rivolge alla figlia: “Arianna, come ti avranno detto i miei avvocati, le cose sono andate diversamente da come dovevano andare. In ogni caso ho commesso un errore e dovrò pagare. Il non poterti più vedere o per anni o x sempre, per quanto ti AMO, in questo momento non mi dà la forza di vivere più. In più dovresti provare odio nei miei confronti e questo mi butta ancora più giù. Per questo provo vergogna nel parlare e farmi vedere da tutti, ma soprattutto da te. Non ci sono parole per chiederti scusa e penso che la cosa migliore sia scomparire. LA ZIA CRISTI e lo ZIO DINO ti seguiranno x ogni cosa. Nonostante tutto il MIO AMORE X TE E’ GRANDE”.

- Advertisement -

Ai suoi  occhi ora appare essere lo Zingaro l’unico colpevole dell’accaduto. In una telefonata con una giornalista di Mattino Cinque, è arrivata a difenderlo usando queste parole: “Mi ha mandato una lettera, dice che mi vuole tanto bene e basta. Io so che non la voleva ammazzare, lui me l’ha detto. Ha sbagliato a fare ‘sta puttanata di fargli paura. Ma il problema non è babbo: il problema è Pierluigi Barbieri”.

Per il delitto, oltre a Nanni inquadrato come mandante, la polizia ha arrestato il 53enne Pierluigi Barbieri detto lo Zingaro, di origine cervese ma da tempo domiciliato nel Reggiano: l’uomo ha confessato di essere stato ingaggiato da Nanni in cambio di 20mila euro e un’auto per uccidere la ex. Nanni ha ammesso di avere arruolato l’amico Barbieri ma solo per spaventare la donna in cambio di 2.000 euro.

Sul fronte indagini, mercoledì la polizia Scientifica di Bologna, su delega del Pm Angela Scorza titolare del fascicolo, come anticipato dalla stampa locale, ha avviato gli accertamenti dattiloscopici sui 2.200 euro. Oggi inoltre a Roma sempre la Scientifica avvierà gli esami sul materiale isolato nell’appartamento del delitto di via Corbara a Faenza e sulla Toyota Yaris in uso al Barbieri anche la mattina dell’omicidio.

- Advertisement -

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati