Dati Covid in tempo Reale

All countries
264,015,571
Confermati
Updated on 2 December 2021 16:07
All countries
236,496,389
Ricoverati
Updated on 2 December 2021 16:07
All countries
5,246,078
Morti
Updated on 2 December 2021 16:07

Pinguino antartico viaggia per 3000 km fino ad arrivare in Nuova Zelanda

- Advertisement -

AgenPress – Un pinguino si è trovato sulle coste della Nuova Zelanda, ad almeno 3.000 chilometri (1.864 miglia) di distanza dal suo habitat naturale dell’Antartide.

Il pinguino Adelia, che ora è stato affettuosamente chiamato Pingu dalla gente del posto, è stato trovato smarrito sulla costa.

- Advertisement -

Harry Singh, il residente locale che lo ha trovato, ha detto che all’inizio pensava che fosse un “peluche”.

È solo il terzo incidente registrato di un pinguino di Adelia trovato sulla costa della Nuova Zelanda.

Il signor Singh e sua moglie hanno incontrato per la prima volta il pinguino mentre stavano passeggiando dopo una lunga giornata di lavoro sulla spiaggia di Birdlings Flat, un insediamento a sud della città di Christchurch.

- Advertisement -

“Prima pensavo che fosse un peluche, improvvisamente il pinguino ha mosso la testa, quindi ho capito che era reale”.

Il filmato del pinguino pubblicato sulla pagina Facebook del signor Singh mostrava che il pinguino sembrava solo e perso.

“Non si è mosso per un’ora… e [sembrava] esausto”, ha detto Singh che ha poi chiamato  i soccorritori preoccupato che il pinguino non entrasse in acqua, rendendolo così un potenziale bersaglio per altri animali predatori che vagano sulla spiaggia.

“Non volevamo che finisse nello stomaco di un cane o di un gatto”, ha detto.

Alla fine è riuscito a contattare Thomas Stracke, che ha riabilitato i pinguini nell’Isola del Sud della Nuova Zelanda per circa 10 anni.

Stracke è rimasto scioccato nello scoprire che il pinguino era un pinguino di Adélie, una specie che vive esclusivamente nella penisola antartica. Il signor Stracke, insieme a un veterinario, ha salvato il pinguino quella stessa sera.

Gli esami del sangue eseguiti su Pingu hanno mostrato che era leggermente sottopeso e disidratato. Da allora è stato somministrato fluidi e alimentato tramite un tubo di alimentazione.

L’uccello verrà infine rilasciato su una spiaggia sicura sulla penisola di Banks, che è priva di cani.

La scoperta è solo la terza nella storia che un pinguino di Adelia è stato trovato sulle coste della Nuova Zelanda, a seguito di due incidenti nel 1993 e nel 1962.

Gli avvistamenti di Adélie rimangono rari in Nuova Zelanda, ma se ne compariranno di più in futuro, potrebbe essere un segnale preoccupante, affermano gli esperti.

“Penso che se iniziassimo a ricevere arrivi annuali di pinguini Adélie, andremmo in realtà, qualcosa è cambiato nell’oceano che dobbiamo capire”, ha detto il professore di zoologia dell’Università di Otago Philip Seddon al sito di notizie The Guardian.

“Più studi ci daranno una maggiore comprensione di dove vanno i pinguini, cosa fanno, come sono le tendenze della popolazione: ci diranno qualcosa sulla salute di quell’ecosistema marino in generale”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati